Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2011

IL SARTO e PESSOA

Giovan Battista Moroni, Il sarto, 1570, National Gallery, London


Le poesie che vi propongo oggi sono il dono, inaspettato come tutti i doni, di due amici appena conosciuti grazie al blog.
La prima s'intitola "Amici di Letture e di Leggerezza" e l'autore è Leonardo Pieretti.
Leonardo ha fatto un bellissimo ritratto del nostro blog e di quello che faticosamente tutti gli scrittori desiderano ottenere dalle parole.
La seconda è una poesia di Fernando Pessoa "Le isole fortunate" inviata da Giovanni D., di Sassari anche lui appena "incontrato" in un angolo (ovvero un post) remoto di "Amici di letture".
Dopo quasi due anni di conversazioni con gli Amici di Letture, sono felicissima di inaugurare le pagine degli Amici di Letture, ovvero dei primi non studenti a scrivere per noi e di noi.
Il 2011 mi ha portato la notizia di una trasformazione, un cambio di pelle che per un po' mi lascerà senza corazza: non più- per un po'- insegnare lett…

D'ORA IN POI...

Foto: il cantante Umberto Bindi

Alcune frasi hanno la forza di un racconto bibilico, come il "fiat lux" che accese l'universo di stelle.
D'ora in poi...oggi sto pensando alla forza di una frase che comincia con "d'ora in poi": tutte le promesse che abbiamo fatto e che faremo, tutte le occasioni che subito coglieremo, tutti gli errori che mai più commetteremo..."d'ora in poi"
Stasera mi ritrovo a pensare che "d'ora in poi" vivrò tutti i giorni come se avessi sete, andrò alla ricerca di acqua nei pozzi del sapere; d'ora in poi fotograferò il mondo con le parole; d'ora in poi tutto potrà essere raccontato: ad esempio che direste se vostra moglie si incarnasse in un Tir giallo e cominciasse a seguirvi ovunque con il respiro di un dinosauro di metallo? Tutto può essere trasformato in una storia per ingannare il tempo.
D'ora in poi non leggerò più un libro che abbia nel titolo la parola…

LA CASA DELLA LUMACA

Cari amici di letture, il mio silenzio, in questi giorni è dovuto al fatto che sono stata alle prese con grandi decisioni. Quando rifletto sono silenziosa. In questi giorni si è materializzata la possibilità di un trasferimento in Olanda, a partire dal prossino agosto. Prima di prendere la decisione giusta ho dovuto fare i conti con le solite paure che sorgono alla vigilia dei grandi cambiamenti: l'inerzia, l'abitudine, la nostalgia e la pigrizia. Poi la decisione è stata presa, e quindi "si parte"!
Vi terrò aggiornati, in questi mesi, e spero che, una volta in Olanda, questo blog si trasformi in un ponte con l'Italia per continuare a dialogare e a condividere idee.
Nel frattempo vi sottopongo una lettura, si tratta dell'incipit di un romanzo che mi frulla nella testa. Se vi incuriosisce vi prego di lasciare un commento e magari continuerò a scriverlo "in diretta blog", e con il vostro aiuto.
Grazie di essere sempre così tanti e affezionati!

LA CASA DEL…

DA UN PO' DI TEMPO...

...solo silenzio


come un bimbo muto
un ragno che aspetta in un buco
una crosta di pane indurito
una macchia sul muro sbiadito

la muffa sulla parete
la voce alla radio di un prete
la pioggia sui vetri del treno

la coda di un cane e le mosche
una chiave in fondo alle tasche

i serpenti arrotalati tra i sassi
l'eco lontana dei massi

bisogna essere pazienti con la vita
come un'arancia appesa a un ramo

fuori la buccia amara
dentro gli spicchi rossi.