LA BAMBINA E IL PAVONE



Devo andarci più spesso allo zoo. Spesso faccio ritorno dal Bioparco con storie e aneddoti da raccontare e condividere. Alcuni tristi (vedi L'Angolo della Critica) altri molto speciali.
Ho una storia tenera e semplice che spero vi faccia sorridere e un po' stupire.
E' andata così: ero davanti agli ippopotami con la mia famiglia quando la mia attenzione è stata catturata da una mamma che guardava la sua bambina con sguardo interrogativo.
La piccolina, forse di quattro anni, se ne stava davanti ad un bel pavone a sussurargli paroline indecifrabili.
Il pavone camminava e la bambina lo seguiva, sempre continuando a sussurargli paroline.
Ad un certo punto ho sentito quello che diceva: "Vieni pavone, eccomi, sono una donna!- Vieni pavone, eccomi, sono una donna!"
Che frase misteriosa, ci siamo dette io e la madre della bimba, con un'occhiata da strizzacervelli fai da te.
E così, mentre la mia famiglia, stufa di ippopotami si avviava verso colibrì e aquile reali, io sono rimasta ad ascoltare la conversazione.
"Amore, ma perché dici al pavone: vieni, eccomi, sono una donna!?"
I miei bambini erano oramai ad anni luce da me, il loro papà da lontano mi chiedeva aiuto, implorando: "Vieni, eccomi, sono un uomo" con gli occhi urgenti di chi ha bisogno di una mano o i bambini volano via sul nido del cuculo ... Ma io dovevo sentire la risposta! Eccola, c'ero quasi! "Così il pavone mi fa la coda!", rispose finalmente la bambina.

Commenti

Post più popolari