Passa ai contenuti principali

AUGURI IN UNA BUSTA (DI PLASTICA)

Volevo augurarvi un anno "pulito" e leggero! Liberiamoci delle zavorre, dei pesi che inquinano fuori e dentro. Vi propongo due riflessioni: la prima in immagini, sulle morti bianche, dal film "Sul mare". Un monologo bellissimo per sperare che il 2011 sia l'anno del lavoro sicuro e per tutti. La seconda è un articolo dello scrittore Marco Lodoli, per salutare in poesia il sacchetto di plastica!



VENERDÌ, 31 DICEMBRE 2010

Pagina XXI - Roma

Addio prepotenti sacchetti di plastica ma in fondo c´era anche un po´ di poesia
MARCO LODOLI

--------------------------------------------------------------------------------

(segue dalla prima di cronaca)
Anche da noi, per fortuna, qualcuno da solo ha imparato a non sprecare, a non seminare il mondo di plastica oscena, a ficcare la spesa in un carrello. Insomma: siamo tutti d´accordo, deplastifichiamoci! Eppure, di nascosto, vergognandosi per la propria inciviltà, per un sentimentalismo barbaro e asociale, una minuscola parte di me si ferma a ricordare… Qualcosa torna dal passato, con i colori vaghi della nostalgia. Immagini sparse, brutte, belle, piene di sacchetti di plastica.
Quella volta che pioveva a dirotto e con una ragazza che non c´è più ci siamo legati in testa due buste del supermercato, e l´acqua picchiettava sui pensieri e ridevamo. E quella volta sugli scalini di una chiesa vicino alla Stazione Termini, a parlare per un´ora con una vecchia barbona che teneva tutta la sua vita in quattro buste di plastica, i vestiti, il cibo, ma anche le foto della giovinezza, quando tutto era diverso. E quelle corse in Vespa, con una busta di libri attaccata al gancio del sellone, libri meravigliosi da riportare a casa, libri inseguiti e trovati e metà prezzo su una bancarella: tanta poesia in una sola busta! E il costume bagnato e la cuffietta per i capelli dentro il sacchetto di plastica, alla fine di una lunga nuotata, alla fine di una piscina infinita. E quelle imprecise eppure precisissime valutazioni economiche fatte al volo sul numero delle buste del supermercato: "Prima con questi soldi mi portavo a casa tre buste piene di roba, ora neanche due, porca miseria!" E quella volta sotto casa, quando davanti al cassonetto traboccante, davanti a quei cumuli nauseabondi di buste ammucchiate a casaccio, ho sentito il peso della metafora, la verità di quello che Montale chiamava il correlativo oggettivo e ho pensato: voglio una vita diversa, migliore, grazie per l´avvertimento, cari sacchetti.
E ora addio, buste della vita nostra, cariche di tutta la nostra mondezza, addio per sempre: da oggi cercheremo di essere più puliti, più chiari, più svedesi.



p.s. di Giovanna Iorio
Come non pensare ad "American Beauty"...salutiamo il sacchetto di plastica con questo video bellissimo, in cui una busta di plastica è una forza benevola, una bambina che danza...


Commenti

  1. Ciao, nell'augurarti un buon 2011 invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed attori del 2010.

    CLICCA QUI PER VOTARE

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…