domenica 28 novembre 2010

WIKILEAKS: IL SOGNO DELLO STORICO, L'INCUBO DEL DIPLOMATICO


Quello che era nel buio ora è alla luce del sole. Una nuova era dell'informazione. Wikileaks è una realtà.

Timothy Garton Ash
guardian.co.uk
Sunday 28 November 2010 19.30

It is the historian's dream. It is the diplomat's nightmare. Here, for all to see, are the confidences of friends, allies and rivals, garnished with American diplomats' frank, sometimes excoriating assessments of them. Over the next couple of weeks, you, the readers of the Guardian, will enjoy a multi-course banquet from the history of the present.

The historian usually has to wait 20 or 30 years to find such treasures. Here, the most recent dispatches are little more than 30 weeks old. And what a trove this is. It contains more than 250,000 documents. Most of those I have seen, on my dives into a vast ocean, are well over 1,000 words long. If my sample is at all representative, there must be a total at least 250m words – and perhaps up to half a billion. As all archival researchers know, there is a special quality of understanding that comes from exposure to a large body of sources, be it a novelist's letters, a ministry's papers or diplomatic traffic – even though much of the material is routine. With prolonged immersion, you get a deep sense of priorities, character, thought patterns.

Most of this material is medium-and high-level political reporting from around the world, plus instructions from Washington. It is important to remember that we do not have the top categories of secrecy here – Nodis (president, secretary of state, head of mission only), Roger, Exdis, Docklamp (between defence attaches and the defense intelligence agency only). What we have is still a royal banquet.

Small wonder the state department is crying blue murder. Yet, from what I have seen, the professional members of the US foreign service have very little to be ashamed of. Yes, there are echoes of skulduggery at the margins, especially in relation to the conduct of "the war on terror" in the Bush years. Specific questions must be asked and answered. For the most part, however, what we see here is diplomats doing their proper job: finding out what is happening in the places to which they are posted, working to advance their nation's interests and their government's policies.

In fact, my personal opinion of the state department has gone up several notches. In recent years, I have found the American foreign service to be somewhat underwhelming, reach-me-down, dandruffy, especially when compared with other, more confident arms of US government, such as the Pentagon and the treasury. But what we find here is often first rate.

As readers will discover, the man who is now America's top-ranking professional diplomat, William Burns, contributed from Russia a highly entertaining account – almost worthy of Evelyn Waugh – of a wild Dagestani wedding attended by the gangsterish president of Chechnya, who danced clumsily "with his gold-plated automatic stuck down the back of his jeans".

Burns's analyses of Russian politics are astute. So are his colleagues' reports from Berlin, Paris and London. In a 2008 dispatch from Berlin, the then grand coalition government of Christian and Social democrats in Germany is compared to "the proverbial couple that hated each other but stay together for the sake of the children". From Paris, there is a hilarious pen portrait of the antics of Nicolas (and Carla) Sarkozy. And we the British would do well to take a look at our neurotic obsession with our so-called "special relationship" with Washington, as it appears in the unsentimental mirror of confidential dispatches from the US embassy in London.

Reassuringly, we also find occasional signs of the British Foreign Office standing up for our values. According to a report from 2008, one senior British diplomat, Mariot Leslie, "was very frank that HMG did object to some of what the USG [government] does (eg, renditions) and therefore does have some redlines".

It is very disturbing to find telegrams signed off by Hillary Clinton which seem to suggest that regular American diplomats are being asked to do stuff you would normally expect of low-level spooks – such as grubbing around for top UN officials' credit card and biometric details. Clarification is now urgently needed from Foggy Bottom (the seat of the state department) of who exactly was expected to do what under these human intelligence directives.

More broadly, what you see in this diplomatic traffic is how security and counter-terrorism concerns have pervaded every aspect of American foreign policy. But you also see how serious the threats are, and how little the west is in control of them. There is devastating stuff here about the Iranian nuclear programme and the extent not merely of Israeli but Arab fears of it ("cut off the head of the snake", a Saudi ambassador reports his king urging the Americans); the vulnerability of Pakistan's nuclear stockpile to rogue Islamists; anarchy and corruption on a massive scale in Afghanistan; al-Qaida in Yemen; and tales of the power of the Russian mafia gangs, that make John le Carré's latest novel look almost understated.

There is a genuine public interest in knowing these things. The Guardian, like the New York Times and other responsible news media, has tried to ensure that nothing we publish puts anyone at risk. We should all demand of WikiLeaks that it does the same.

Yet one question remains. How can diplomacy be conducted under these conditions? A state department spokesman is surely right to say that the revelations are "going to create tension in relationships between our diplomats and our friends around the world". The conduct of government is already hampered by fear of leaks. An academic friend of mine who worked in the state department under Condoleezza Rice told me that he had once suggested writing a memo posing fundamental questions about US policy in Iraq. "Don't even think of it," he was warned – because it would be sure to appear in the next day's New York Times.

There is a public interest in understanding how the world works and what is done in our name. There is a public interest in the confidential conduct of foreign policy. The two public interests conflict.

One thing I'd bet on, though: the US government must surely be ruing, and urgently reviewing, its weird decision to place a whole library of recent diplomatic correspondence on to a computer system so brilliantly secure that a 22-year-old could download it on to a Lady Gaga CD. Gaga, or what?

giovedì 25 novembre 2010

23 NOVEMBRE 1980


Un vigile del fuoco trasporta un corpo appena estratto dalle macerie di un edificio crollato nel terremoto dell'Irpinia dell'Ottanta.
Un minuto e venti secondi bastarono per uccidere 2.735 persone e per ferirne 8.848

LE MIE MEMORIE DEL TERREMOTO

Ho frugato nei miei vecchi cassetti di sopra. Tanti fogli a righe a quadretti strappati polverosi sbiaditi gialli. La grafia negli anni si è infittita. I tratti sono diventati più irregolari. Molti fogli non hanno data. Bisogna indovinare, ricostruire lo sfondo. Prima o poi metterò tutti i pezzi insieme. Sono custodi di un po' di storia. Un altro spicchio di passato dove vago come un'ombra; quando appaio non mi riconosco. Su di un foglio ho annotato l'ora. 19.34 Il BOATO. E' arrivato da lontano spaccando le colline. C'era la luna piena. La foschia cerchiava il bulbo luminoso. Mi fissava dalla finestra. Per sfuggire al suo sguardo mi sono rifugiata nel ripostiglio, al buio. Mi sono accoccolata come una conchiglia per sentirmi piangere.
A dieci anni mi incuriosivano i singhiozzi: arrivavano da dentro; erano in fondo a tutto. Arrivavano all'improvviso. Come il boato.
(domenica + novembre). Binomio di morte e immobilità. Qualcuno da molto lontano deve aver scorto la luce gialla della stanza dove ci siamo nascosti ad aspettare la primavera. Io e mio fratello giochiamo a carte, con le gambe sotto la coperta che ricopre il braciere. Nostra madre accanto al camino, sbuccia mele. Le bucce cadono in riccioli bianchi; dopo un minuto sono già nere. Aspettiamo l'odore della frutta cotta. E' ora di cena. Nostro padre farà ritorno dal bar. Ci porterà le caramelle a spicchi: arancio fragola e limone. Piano, piano, piano! Al buio nel letto sentirò le dita di mio fratello scartarne una e poi ancora una fino al silenzio del sonno. Buonanotte. Il rumore della carta nell'oscurità: sembra fuoco che scoppietta. Chissà quale gusto sta per sentire sulle papille.
Quella notte non avremmo dormito in casa. Né quella notte né le altre. Per quasi un mese dividemmo i sedili della macchina. In piazza alle nove non c'era più posto per nessuno. Un parcheggio di auto addormentate, affollate, spaventate. Qualcuno chiacchierava fino a tardi; la radio si illuminava delle ultime notizie. Una fievole luce negli abitacoli bui: si continua a scavare le vittime sono migliaia intere famiglie sotto le macerie si susseguono le scosse di assestamento l'acqua, l'elettricità, le linee telefoniche è tutto interrotto camion di coperte e scatole di carne e latte in polvere e medicine vengono presi d'assalto si esauriscono in pochi minuti. Emergenza.
Il BOATO. E' arrivato da lontano spaccando le colline. C'era la luna piena. La foschia cerchiava il bulbo luminoso. Ci fissava dalla finestra. Arrivano i morti. Si levano dalle tombe. Hanno visto la luce da lontano. Le mele caddero sul pavimento. Rotolarono. Rimbalzarono sul soffitto e poi di nuovo sul pavimento. Da una parte all'altra della stanza. Sballottate. Un gigante aveva preso la nostra casa in una mano e la scuoteva; vedevo il suo occhio spiare l'interno della cucina dalla piccola finestra in cerca di noi. Stringiamoci. Afferrate la mia mano e correte fuori. La luce si spense troppo presto. Ci hanno trovato. Il boato si mescolò al rumore degli oggetti che cadevano, sedie, soprammobili, piatti, crash crash crash ... Durò un minuto e trenta secondi. Era l'eternità, la morte, quella che avevamo visto alla finestra travestita da luna, da occhio di gigante. Una palla di ghiaccio rotolata sulla vita, venuta a gelare la nostra infanzia. I bambini crebbero in un minuto e trenta secondi. Gli adulti ripiombarono nell'incubo dell'infanzia in un minuto e trenta secondi. Tutti risucchiati dal buco nero. Le lacrime erano bloccate in gola insieme alle urla, imprigionate nelle ragnatele di neve e gelo. Riuscimmo a scappare in giardino; c'era la nebbia o forse era polvere di case cadute. La terra si muoveva ancora ma aveva inghiottito il suo singhiozzo; l'aveva ricacciato dentro, in fondo a tutto. Una foschia immobile e silenziosa prese il posto del grande singhiozzo. (g.i.)

lunedì 22 novembre 2010

TRE MINUTI E MEZZO DI CARAVAGGIO PER PARLARE DI MANZONI

Oggi volevo parlarvi di Manzoni, dell'incontro tra Gertrude e Lucia, delle ombre del secolo barocco, della luce del secolo barocco.
Ecco che la scelta è caduta su un quadro di Michelangelo da Merisi, detto il Caravaggio che del 1600 ha catturato luci e ombre, sogni e delusioni, bellezza e crudeltà. Caravaggio per farvi "vedere" il pericolo che si nasconde nella luce troppo certa e la bellezza del buio che fa smarrire.

BIG BANG, L'ESPLOSIONE DELLA VITA ORA AL CERN

Due nuvole di nuclei di piombo si scontrano dentro l'acceleratore di particelle LHC di Ginevra. (ogni nucleo è costituito da oltre 200 particelle) Al momento dell'impatto si formano delle pressioni e delle temperature di miliardi di gradi che non si raggiungono neanche nel cuore delle stelle più calde dell'universo. Sono le condizioni in cui il cosmo si trovava pochi istanti dopo il Big bang.

Sono sicura che nelle parole che diventano poesia ci sia ancora la polvere delle stelle esplose, l'infinito calore della nascita del cosmo.

sabato 20 novembre 2010

POESIA IN FORMA DI ROSA



Fuori piove, dentro fioriscono rose rosse.
Dedicato a chi odia il grigio: Pier Paolo Pasolini in Poesia in Forma di Rosa.

LA LUSINGA DELLA SCRITTURA: OVVERO COME FARSI PUBBLICARE UN'OPERA PRIMA



I libri sono oramai il frutto di un'attenta strategia editoriale: non più -solo- ispirazione e sudorazione, ma calcolo sapiente di felici risoluzioni e combinazioni.
Tutti conoscono il cantante rock Ligabue, la sua voce roca e rocka è però mescolata a liriche sempre uguali a se stesse. Il rock italiano di Ligabue è un po' stanco, cigola come un carretto che percorre sempre lo stesso sentiero, avanti e indietro.
E poi c'è la vertigine del successo che s'impossessa del cantante bolognese e gli suggerisce di fare il surfista della piatta Italia priva di onde anomale.

Ligabue cantante, Ligabue scrittore, Ligabue regista. E ora anche Ligabue personaggio. Eccolo protagonista di una raccolta di racconti Sette notti con Liga di Chimena Palmieri, improvvisamente nota grazie ad un'idea che vale da sé la recensione sui blog che parlano di letteratura come il nostro.

La fan di Ligabue, quarantasette anni, un lavoro come contabile all'Università Politecnica di Ancona, pensa di scrivere un paio di raccontini da pubblicare sul blog dei fan della rockstar. Come protagonista l'uomo Ligabue, i suoi sogni, le debolezze, la quotidianità. Ligabue eroe quotidiano, che prende il posto di uno sconosciuto al quale il ruolo di protagonista avrebbe potuto regalare la vita di inchiostro e carta di cui sono fatti i personaggi delle storie inventate.
Ma Ligabue legge le storie e s'innamora di sé - si sente lunsingato e cede alla vanità.
Il risultato? Quindici storie, 112 pagine, 12 euro e un libro edito da Sonzogno.
Che dire? Magari tra voi c'è qualche fan di Ligabue che leggerà con entusiasmo le storie dell'eroe della scena rock italiana. Magari qualcuno si emozionerà e piangerà pure quando, nell'ultima storia, Ligabue è in un letto d'ospedale, solo e abbandonato, con accanto la sua fan quarantasettenne che gli rammenta le ragioni per continuare a lottare, a cantare, a vivere. Lacrime e rock, finzione e realtà. C'è spazio per tutto nell'universo dell'editoria italiana, per tutto e per tutti, tranne purtroppo per quegli scrittori sconosciuti che hanno qualcosa di importante da dire ma che stentano a trovare testimonial come Ligabue.
Che sia l'idea giusta per pubblicare il primo libro? Basterà, con un click, sostituire sapientemente il nome dei personaggi delle vostre storie: al posto di uno sconosciuto Ugo Senzasugo usate il nome di un cantante vanitoso, di un politico vanaglorioso o, meglio ancora, di un assassino sanguinario e impunito.
E forse anche gli autori sconosciuti verranno pubblicati. Che poi nessuno li legga, a chi importa in un'Italia in cui tutti scrivono e nessuno legge?

martedì 16 novembre 2010

FAZIO, SAVIANO E UN PO' DI CROCE OVVERO PERCHE' NON MI PIACE IL MINESTRONE



Rileggevo proprio ieri, insieme a voi, la famosa frase di Benedetto Croce su Napoli: "un paradiso abitato dai diavoli".
Lo so, quasi un luogo comune oramai. Ma all'epoca deve aver fatto un certo effetto. Soprattutto ai "poveri diavoli" napoletani, che di colpe ne avevano poche, visto che il caro Padre Eterno li aveva lasciati al loro destino di esseri "maledetti" e di loro non se ne era più curato, se non a distanza e attraverso leggi e decreti salvafaccia e salvaconto in banca dei cosiddetti "angeli" sparsi sul territorio nazionale.

Da sei minuti è martedì. Finalmente ho di nuovo l'energia giusta per sperare di cambiare il mondo. Perché, ed è un'osservazione ricorrente nel mio blog, il lunedì è davvero un giorno "sfigato": tutti lo odiano, tutti resterebbero a letto a dormire. Insomma, è il giorno dedicato alla crisi. E per fortuna, finalmente, questa volta tocca al governo! Lunedì di crisi nella stanza dei bottoni.

Il lunedì è, da due settimane, anche il giorno di Saviano e Fazio. Il loro programma "Vieni via con me", dovrebbe trascinarti fuori "da questo mondo", dalle sabbie mobili in cui, puntualmente, la nostra volontà sprofonda ... di lunedì.

Ed ecco, che le associazioni continuano, apparentemente senza nesso. Il lunedì, a casa nostra, era anche il giorno del minestrone. Niente di male, fa bene il minestrone. Peccato che io non abbia mai conosciuto un bambino al quale faccia piacere mangiarlo. E stasera credo di aver avuto una rivelazione. Credo finalmente di aver capito cosa ci sia di fondamentalmente sbagliato nel minestrone. E di questa illuminazione devo ringraziare Roberto Saviano e Fabio Fazio.

"Vieni via con me" è infatti un minestrone. E' la minestra del lunedì, che dopo l'orgia - parola a caso - della cronaca di un'intera settimana, di un'intera vita, viene a prometterti salute e longevità.

Ecco gli ingredienti del minestrone "Vieni via con me", perfetta miscela di ingredienti sopraffini che però il bambino, misteriosamente rifiuta. Fra un minuto dovrei riuscire a farvi capire cosa ci sia di fondamentalmente sbagliato in un minestrone per un bambino.

Ingredienti:
Saviano- Eutanasia- elenchi -Englaro - Fazio - Bersani -elenchi- Fini- Welby- Rossi-

Il bambino vede una poltiglia variopinta dove tutti gli ingredienti sono riconoscibili, ma non è il passato di verdure. Dunque vede e distingue: la carota, la patata, la zucchina (che odia) la cipolla l'aglio gli odori.
Il bambino è confuso. Non può dire che non gli piaccia il sapore di quella minestra calda, confortante e consolatoria che la mamma vuole dargli per rimediare ad una "settimana" di errori. Ma così non va. La patata sa di carota, la cipolla d'aglio, la zucchina di sedano e gli odori tutti insieme gli rimbalzano sulle papille in cerca di una chiara sensazione di sapore.

Ecco perché il lunedì non si dovrebbe dare ai bambini il minestrone. Li confonde. Gli dice che hanno sbagliato a dire, quasi urlare: "W le lasagne" proprio ieri.

Avete capito? Insomma, non (ri)conosco più Saviano, non riconosco più Fazio, riconosco Fini e Bersani, riconosco i loro elenchi: sono ancora sui muri, a brandelli si leggono ancora le frasi dei loro cartelloni pubblicitari.

Ecco. La gente il lunedì ha bisogno di gusti chiari e decisi. Forse un telegramma dal cielo: "Sono il Padre Eterno- domani scende a Napoli il mio secondogenito Orsù- ha 5 anni e, vi metto in guardia, neanche in croce gli farete dire W IL MINESTRONE".

domenica 14 novembre 2010

ROMA DA RACCONTARE, ROMA DA SCRIVERE



Magica e velenosa


Valerio Magrelli
Magica e velenosa

«Roma è sporca, ma è Roma; e per chiunque vi abbia vissuto a lungo, quella sporcizia ha un fascino che la lindura di altri posti non ha mai avuto». L'elogio di John Ruskin parla chiaro, ma ancora più esplicito è quello di Henry James: «Che devo dirti? Finalmente, per la prima volta, vivo!». Nathaniel Hawthorne, invece, lancia i suoi strali contro la Città Eterna: «Io detesto Roma».

In Magica e velenosa. Roma nel racconto degli scrittori stranieri, Valerio Magrelli, scrittore fra scrittori, tesse parole e immagini dei protagonisti del Grand Tour dal Cinquecento in poi, tracciando un veloce percorso, quasi una serpentina, fra contrasti e passioni, per mettere in luce il carattere di una città che a molti apparve 'magica e velenosa'.

Vi propongo il bel SAGGIO di Nello Ajello appena pubblicato su L'Espresso 18 novembre 2010.

"Roma da scrivere" è anche il nome di un concorso indetto dalla casa editrice Drengo, il Concorso letterario della città eterna appena concluso con la pubblicazione di una antologia che racconta la città di Roma. Il bando diceva:
Echi di vita vissuta. Roma come grande entità di millenarie e secolari vicende; come crogiolo in grado di segnare nel profondo le dinamiche dell’immaginario, dando loro forma, orientando le pulsanti direttrici, colorando di passione le energie; come luogo dell’anima e del cuore; come punto cardinale di sogni, speranze e memorie, di densità umana, di incontri e scambi culturali – in una parola: di significato.
Questo è l'incipit del Regolamento del Concorso letterario che nella sua 4aedizione è organizzato dal Municipio XII del Comune di Roma, e dalla società editrice Drengo.
Il Concorso è diviso nelle sezioni Racconto, Testo di Canzone e Scuole del XII Municipio.

Tra i finalisti ci sono anch'io, con la storia "Monologo di un Fossile". Ecco la lista completa dei vincitori e delle 15 storie finaliste:
Classifica definitiva del Concorso "Roma da Scrivere"

Per la sezione racconti, prima classificata Alessandra Burzacchini con "Le arance dell'alba", secondo classificato Alfredo Morganti con "L'appartamento del boia" e terza classificata Francesca Faramondi con "Giocavamo a nascondino".

Questi i racconti finalisti: "Domani" di Maurizio Centi, "La cartina" di Giovanna Scalzo, "Celeste" di Fabrizio Squillace, "Le donne della mia vita" di Carla Colonnelli, "La Locandiera" di Marco Gallori, "La Promessa" di Francesco Sciacca, "Il Gladiatore" di Gloria Gerecht, "Il profumo del caprifoglio" di Alessandra Corsini, "Castel Sant'Angelo" di Patrizia Simonetti, "Voglio avere le cose che i soldi non possono comprare" di Carlo Cascone, "Titolivio, un giornalista dell'accidenti" di Mario Trapletti, "Uno spaventapasseri a Roma" di Roberto Marzano, "Aria" di Francesca Ceci, "Tutta colpa di una finestra" di Bruno Mattu, "Monologo di un fossile" di Giovanna Iorio.

Vince il Premio speciale Museo L. Pigorini, "Da grande voglio fare il parrucchiere" di Valentina Vitale.

Vince per la sezione scuole del XII Municipio "Quell'uomo che soffre è reale. Quell'uomo che soffre sono io" di Francesca Tedesco.

Per la sezione testo di canzone, vince "Penelope" di Giuseppe De Marco, 2° classificato "Roma de sotto" di Alberto Canfora, 3° "Tra i tetti de Trastevere" di Enza Spatola.

Gli Autori "finalisti" i cui racconti saranno pubblicati nel volume antologico "Roma da scrivere 2010", riceveranno una pergamena di riconoscimento.

La premiazione avverà a Roma, il 5 dicembre alle ore 11, presso il Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini (Viale Lincoln, 1 - 00144 EUR).

Io ci sarò! Ecco la storia "Monologo di un fossile" in anteprima per tutti voi. E l'illustrazione per il mio racconto dell'artista Martina Peluso.



MONOLGO DI UN FOSSILE di Giovanna Iorio (finalista Concorso Roma da Scrivere, 2010- Editore Drengo)

Stasera le parole sono appese a un filo, ad asciugare.
Stasera il cielo è nera antimateria e lo sa Iddio e qualche povero umano cosa sia contemplare il vuoto.
Stasera ritrovo un amico che non riconosco, leggo le sue parole- una fonte sincera è ora acqua mescolata a rancore.
Stasera gli anni sono macine di frantoi, il gusto un po' amaro dell'olio spremuto dalle parole, un alone si allarga a macchiarmi i fogli di memoria.
Stasera il vento che non si è ancora levato aspetta indeciso tra i rami ruvidi.
Stasera si avverte nell'aria il brivido dell'inverno e la paura della primavera, il loro abbraccio silenzioso si trasformerà presto in pioggia.
Il Tevere gonfio si è fermato sotto i ponti a dormire, come un barbone qualunque in cerca di riparo. Ne sento il respiro, il corpo nascosto tra gli strati di pietra come un fossile vivo.
Stasera c'è abbastanza silenzio in casa e nella mia vita per un'archeologia della memoria. Perché ogni cosa rimane intatta nel fondo della città, anche quando il tempo sembrava averla distrutta.
Roma ha in serbo un po' di polvere per ciascuno di noi. Un mucchietto di terra leggera che ti entra nei pori, che ti spegne il sorriso, che ti seppellisce la voce.
Ma stasera c'è un vento leggero che arriva da un punto lontano e luminoso nel buio - pretende un pezzo di vita in cambio di un po' di primavera.
Allora Roma spolvera un po' di rovine e uno dei suoi fossili ritorna a scintillare, un tesoro emerge dal magma di vita.
Ecco una foglia caduta tra le pietre del Colosseo, ecco l'orma di un leone,l'eco di un ruggito, la piena del Tevere.

domenica 7 novembre 2010

LA POLVERE E LA LUNA



Trent'anni fa il terremoto il Irpinia. In un' antologia i poeti irpini ricordano la polvere e la luna di quel 23 novembre; il libro è al centro del tour dei poeti irpini iniziato il 29 ottobre a Nusco con l'intento di ricordare e rivivere quel lontano freddo pomeriggio di novembre.
La polvere e la luna: i poeti del 23 novembre a cura di Paolo Saggese (Delta 3 edizioni, 2010). Tratto dal libro, ecco il mio contributo.

La notte che il mio paese sparì

La notte che il mio paese sparì
C’era la luna
Era novembre e il melo
Aveva foglie appuntite
morse dal gelo

Ricordo il pianto dei vecchi e il silenzio dei bambini
Il latrato del cane incatenato a un cancello vuoto
Mio padre che urlava i nostri nomi come un cieco
Tra le rovine di un paese cancellato.

La nebbia ebbe pietà di noi
Coprì la paura con un velo di stupore
E chiuse gli occhi alle case squarciate dal dolore.

La luna ci fissava senza parole
I tetti scoperchiati come pentole fumanti
Il ventre della terra ancora pulsante
La tavola sparecchiata dalla mano di un gigante

Rimase tutta la notte a vegliarci, la Luna,
Spuntava di tanto in tanto tra i sassi
La sua luce lieve priva di passi

Giunse dopo ore infinite e lente, il Sole
Insieme alla pioggia sottile invernale
il fango le ruspe le tende
una luce bianca e indifferente.
(18 settembre 2010)

IV CONCORSO INTERNAZIONALE HARAMBEE "COMUNICARE L'AFRICA"

Ce l'abbiamo fatta! Congratulzioni ai miei cinque studenti di Lingua e Cultura Italiana che hanno vinto il secondo premio, ex equo, con i video clips "Ghana: inside the colors of Africa" e "L'Africa, oltre il silenzio"
La premiazione avverrà il 12 novembre 2010 presso la Sala della Protomoteca del Campidoglio in Roma.

Ecco il primo video di Federico, Ivo che questa estate sono andati in Africa a filmare:



e il secondo di Giorgio Fabio, Nati e Perla che hanno scelto di mostrare storie "coraggiose" e di dar voce alla discriminazione in Italia:



BRAVISSIMI!

venerdì 5 novembre 2010

POESIA MAGISTRA VITAE



Ancora attualità per il nostro blog. Dopo Benigni e Oscar Wilde, poeta e omosessuale, ecco ancora cibo per la mente degli amici di letture, menti acute e sensibili: politica, omosessualità, letteratura, vita. Basta dare un'occhiata qui per decidere se le parole servono il potere o se il potere serve le parole.
Guardando queste splendide case che noi non potremo mai abitare, quando (e se) monterà in voi un'insolita rabbia d'altri tempi, celebrate il potere delle parole di Pasolini, poeta e omosessuale,che non mi stancherò mai di rileggere e proporre(già post 1 Maggio 2010)
Buone letture!


Solo fino all'osso, anch'io ho dei sogni
che mi tengono ancorato al mondo,
su cui passo quasi fossi solo occhio...
Io sogno, la mia casa, sul Gianicolo,
verso Villa Pamphili, verde fino al mare:
un attico, pieno del sole antico
e sempre crudelmente nuovo di Roma;
costruirei sulla terrazza, una vetrata,
con tende scure, di impalpabile tela:
ci metterei, in un angolo, un tavolo
fatto fare apposta, leggero, con mille
cassetti, uno per ogni manoscritto,
per non trasgredire alle fameliche
gerarchie della mia ispirazione...
Ah, un po’ d'ordine, un po’ di dolcezza,
nel mio lavoro, nella mia vita...
Intorno metterei sedie e poltrone,
con un tavolinetto antico, e alcuni
antichi quadri, di crudeli manieristi,
con le cornici d'oro, contro
gli astratti sostegni delle vetrate...
Nella camera da letto (un semplice
lettuccio, con coperte infiorate
tessute da donne calabresi o sarde)
appenderei la mia collezione
di quadri che amo ancora: accanto
al mio Zigaina, vorrei un bel Morandi,
un Mafai, del quaranta, un De Pisis,
un piccolo Rosai, un gran Guttuso...

(Verso le Terme di Caracalla, Pier Paolo Pasolini)

mercoledì 3 novembre 2010

CORSI E RICORSI STORICI


Benigni ospite a Sanremo legge la lettera di Oscar Wilde.
Caricato da zukermilano. - Guarda video esclusivi per il web

Fra qualche settimana ritorna Sanremo, ritorna l'Italia delle canzonette. Nel 2009, Roberto Benigni ospite speciale al Festival offrì al pubblico un lungo monologo, parlando di Veltroni e Berlusconi. Oggi però varrebbe la pena ricordare il suo tributo agli omosessuali, "perseguitati perché amavano".
Gli omosessuali non sono fuori dal piano di Dio". Si ride a lungo, poi Benigni cambia registro. E dice la sua sulle polemiche sugli omosessuali: "E' una storia incredibile che va avanti da millenni. Gli omosessuali non sono fuori dal piano di Dio. Di peccati c'è solo la sutpidità". "Per rendere l'idea dell'assurdità e ridicolaggine" di certi atteggiamenti, Benigni ricorda che gli omosessuali "sono stati seviziati e sono morti nei campi di concentramento perché amavano un'altra persona". "Mettiamo che un eterosessuale si innamori focosamente di una persona dell'altro sesso - spiega - e a un certo punto lo prendono, lo torturano e lo uccidono perché si è innamorato. Tanti omosessuali sono stati torturati perché amavano un'altra persona, lasciate stare il sesso. E' un'assurdità".
"Gli omosessuali sono persone che si amano". L'attore giudica "assurdo" che si parli di omosessualità "con tanta rozzezza", "sono persone che si amano, non è che per colpa loro finisce la razza, come dice qualcuno". Nella storia dell'umanità, continua, "ci hanno fatto dei doni enormi, ed è il sentimento dell'amore che caratterizza gli omosessuali. E quando c'è l'amore tutto diventa grande. Nemmeno la fede rassicura, l'unica cosa che rassicura è l'amore". Poi Benigni ricorda Oscar Wilde, "messo ai lavori forzati per la sua omosessualità. In prigione ha scritto una lettera alla persona per la quale era stato condannato". La lettera, Benigni la legge tutta. Poi lascia il teatro, ed è standing ovation.
(17 febbraio 2009)

LA MAPPA DELLE STORIE INVISIBILI: Roma, Fontana delle tartarughe

Stasera una storia invisibile è apparsa alla Fontana delle tartarughe... buon ascolto, se passate di là. E, a proposito, salutatemi Serafina...