Passa ai contenuti principali

UNA DOMENICA A ROMA - FRA MANDRILLI E CAIMANI



(Da L'angolo della critica del nostro blog)

Una visita allo zoo può essere estremamente educativa, per grandi e piccini.

Il Bioparco di Roma è un'isola verde e ospitale che accoglie migliaia di visitatori, per la gioia di orsi, avvoltoi e altri animali socievoli che non vedono l'ora di fare quattro chiacchiere con gli umani sorridenti muniti di macchina fotografica e telecamera.

La visita allo zoo è, oggigiorno per una famiglia media, un piccolo lusso da concedersi con moderazione. Il biglietto intero è di 10 euro, non c'è lo sconto famiglia, ma i bambini al di sotto del metro di altezza entrano gratis.

Funziona cos': c'è una giraffina sorridente alle casse e all'ingresso. E' lì che il figliolo spilungone di soli tre anni deve sostare per la MISURAZIONE dell'altezza.

Fantastico e sorprendente verificare in tale occasione che il secondogenito è praticamente cresciuto con l'ultimo acquazzone (i temporali d'autunno si sa, fanno disastri); davanti alla mia costernazione "ma come, sei un metro e quattro centimetri!" mio marito toglie le scarpe da ginnastica al piccolino che scalzo è sceso al di sotto del sorrisetto della giraffina.

Incredibile! Tiriamo un respiro di sollievo ed entriamo. La prima lezione indimenticabile ci viene data "gratuitamente e senza extra" alla gabbia del mandrillo.

Un nonno arzillo e prestante istruisce il nipotino: "vedi, questo è un mandrillo. I maschi sono di continuo addosso alle femmine. E' per questo che un uomo in gamba con le donne lo si chiama mandrillo"! Tanto varrebbe aggiungere qualche informazione, per esempio che nel rettilario c'è anche il famoso caimano che , insieme ai vari mandrilli italiani costituisce la maggioranza del nostro Governo attuale.

Facciamo qualche metro ed ecco un papà della domenica che dice al figlio "Che cagata non si dice. Dite semplicemente che il lupo non v'interessa...parlate meglio!" Poi però, rapito da un'altra conversazione, quando i figli gli chiedono di raccontare di nuovo l'avventura con i lupi sulle montagne dell'Abruzzo con lo zio Saverio, lui si fa prendere dalla foga e dice: "Chi? Vostro zio? Quel figlio di p...." e poi via con i dettagli con tanto di peripezie, prove dell'eroe, catastrofe e ahimè! nessuna catarsi.

Infine voliamo all'uscita...Al Bioparco di Roma non c'è un'uscita normale! Per poter uscire è obbligatorio passare all'interno del negozio di giocattoli dello zoo, tra ceste ricolme di animali di peluche e di gomma, libri educativi, dvd ecc. ecc. Non c'è altra via d'uscita! Pianti, capricci, ricatti, minacce. Un inaspettato e indimeticabile teatro delle dobolezze famigliari, un lunghissimo tunnel del terrore per genitori ostaggio e bambini isterici.

Quando ne usciamo abbiamo capito che siamo pessimi genitori in un pessimo zoo con pessimi visitatori. Tanto vale infilarci anche noi in una gabbia, che di certo allo Zoo qualcuno verrebbe a guardare i poveracci come noi - forse qualcuno interessato ad un documentario intitolato "Che razza di razza è il visitatore del Bioparco di Roma?". Ci vediamo nella gabbia...

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…