Passa ai contenuti principali

ULTIMA DOMENICA DI AGOSTO

Foto di Richard Barnes

Domani si torna a lavoro. Tutto ricomincia, tutto da rifare, tutto da riconquistare...
Tanti progetti e tante idee da realizzare: lesson plan! Secondo alcuni esperti dell'arte dell'insegnamento conta molto la programmazione, progettare la lezione.

Ebbene domani si comincia a progettare, ma nel mio caso solo a grandi linee perché i veri protagonisti sono gli studenti e non riesco a programmare senza averli conosciuti, incontrati, ascoltati...

Ho letto con immenso piacere un articolo di Michele Neri sull'inserto D (La Repubblica 27 agosto), s'intitola "Due o tre cose importanti che soltanto agosto ha capito di noi". A volte leggo delle cose in cui mi riconosco alla perfezione. E' come infilarsi un guanto che ti sta a pennello! Quasi una magia...

Ebbene in questo articolo, accompagnato dalle bellissime foto di Richard Barnes, leggo: "Agosto è il più umano dei mesi. Sovrano dei calendari è il più denso, solitario, malinteso. Mese specchio di confronti e confessioni. Giorni che fanno tornare indietro di anni perché a strapiombo sul futuro. Mese con due fini, la prima al centro, aguzza come il Cervino a quota 15. Agosto racconta di noi meglio di ogni altro momento. Più o meno nudi, disarmati in spiaggia come per qualsiasi strada, non ci accorgiamo di esporre più di quanto sappiamo di noi. Siamo arte senza cornice e a questo ottavo ed estremo mese cerchiamo di dire che vogliam ancora essere qualcuno che crede in qualcosa. (...)"



Siamo arte senza cornice. Quanto mi è piaciuta questa frase! Fotografa il desiderio di libertà infinito, di espressione incondizianata! E soprattutto...al diavolo la programmazione, il lesson plan, insomma la cornice che condanna la conoscenza al rigor mortis della routine scolastica.

Insomma quest'anno devo riuscire a far amare Manzoni a quindicenni innamorati di ipod, ipad e mp4 (i nomi tecnologici dei nipotini di Paperino)! Fatemi gli auguri! Ditemi in bocca al lupo! Quanti nemici, ma credetemi gli studenti sono i miei alleati.

Ah, sto per trasformarmi in don(na) Chisciotte e armata dei miei libri combatterò mulini a vento (in realtà ho imparato che il vento va seguito e bisogna andare dove ti spinge l'uragano - come Dorothy del Mago di Oz). Ho anch'io le mie scarpette rosse, magiche e infaticabili, le mie muse, i miei complici...segreti e silenziosi sono loro le mie lesson plan.

Agosto, arrivederci. Ti ringrazio mese generoso e solitario, mese delle valigia, mese che insegna a chiudere una casa intera in una borsa, a vivere fuori di casa, mese che insegna che la tra la noia e la gioia c'è di mezzo solo qualche consonante e un po' di coraggio... Grazie Maestro Agosto! Spero di farcela anche quest'anno a mettere in pratica quello che mi hai aiutato a capire di me, del mio mondo, della mia vita. Ogni anno credo che l'impresa è troppo ardua, ma poi qualcosa mi spinge avanti verso la meta, la prossima estate, ritrovare me stessa e riflettere... il prossimo agosto.

Nel frattempo mi annoto il saggio consiglio di Aristotele, perché sia la calma la mia parola d'ordine in questi mesi futuri. Dice il filosofo "adirarsi è facile ma non è assolutamente facile e non è da tutti adirarsi con la persona giusta, nella misura giusta, nel modo giusto, nel momento giusto e per la causa giusta". Provare per credere!

Per concludere se vi accingete a tornare a lavoro con una forte invidia per chi invece sta per cominciare le vacanze fate come suggerisce Michele Neri nell'articolo su citato "Diffidate di chi fa le vacanze in settembre. Lavorare in agosto è tenere ferma e invisibile la parte mobile e profonda di sé". Il 31 agosto finisce l'estate per la seconda volta (la prima è il ferragosto!)...chi è pronto ricominci allora!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…