SOWA RIGPA E L'OLIVA ASCOLANA

"Sono diventato astemio, non bevo più caffè, non fumo: è successo tutto in maniera spontanea. Quando si arriva a scegliere spontaneamente, come nel mio caso, è da considerare come un regalo. Giravo Musikanten e prendevo sette-otto caffè al giorno! Ora non lo posso più bere. Lo stesso mi accade col vino. Un paio d'anni anni fa, in un ristorante a Macerata, assaggiando un'oliva... improvvisamente ho sentito milioni di cellule del mio corpo gridare come per ribellarsi. Ho chiesto al cameriere, per sapere cosa ci fosse dentro quell'oliva e mi ha fatto un elenco: carne di maiale, mortadella, salsiccia... Dentro un'oliva c'era una salumeria, in forma atomizzata!". Franco Battiato

Franco Battiato diventa vegetariano e il mondo smette di girare per qualche istante. Battiato in crisi davanti ad un'oliva ascolana, sente che le cellule si stanno ribellando e di punto in bianco decide che è arrivato il momento di convertirsi.
Tutto giunge come un'illuminazione, come una crisi mistica in un ristorantino maceratese. Battiato-Jacopone da Todi! si sente pronto a passare da la linea orizzontale che spinge verso le olive ascolane a quella verticale che va verso il tofu...
Se tutti fossimo capaci di sentire le cellule che si ribellano, forse il mondo sarebbe pieno di povere
olive ascolane morte! Stasera darei qualsiasi cosa per manifestare alla povera oliva ascolana la mia solidarietà! Il successo fa davvero dimenticare le proprie origini! Dopotutto Battiato viene dalla Sicilia, la pasta alla norma è, quanto a leggerezza, comparabile ad una grandinata sull'intestino tenue.
Detto questo, se nella vostra estate c'è posto per Battiato e siete in vena di ricette da "cantautore" leggete Sowa rigpa e ... ascoltate l'urlo delle cellule! Inneres Auges... Eh, si ci vuole pazienza!


Commenti

Post più popolari