Passa ai contenuti principali

LA POESIA "QUOTIDIANA"


Apro il giornale e penso: quanta ispirazione dalle pagine di un quotidiano! Le notizie grondano vita: paradossali, amare, liete, feroci, fenomenali. Quello che accade intorno a noi è semplicemente un'orda fantastica di eventi inspiegabilmente complessi e casuali che non hanno senso alcuno se analizzati singolarmente ma, nell'insieme, formano l'intricato e bellissimo mosaico della vita.
Mentre mi spazzolavo i denti dopo pranzo, ripensando a quanto letto sui quotidiani di oggi, ho capito che una poesia mi stava sulla punta della lingua e che rischiava di venir risucchiata nel vortice inesorabile e inutile del mio lavandino insieme alla schiuma di dentifricio; per tutto il pomeriggio e quasi tutta la sera sono stata occupata con la vita stessa. Solo ora, rilavando i denti, ho sentito sulla lingua una patina di vita che non voleva essere risciacquata. La poesia "quotidiana". Le parole sono ispirate alla lettura dei giornali. Ve l'affido. Buona notte!

p.s.
Abbiamo raggiunto e superato i 20.000 visitarori. Amici di Letture vi amo tutti! :)



POESIA DEL MIO QUOTIDIANO
ispirata alla lettura de La Repubblica del 20 agosto 2010


Che strano, anche sulla luna sono apparse
le prime rughe.
"Avvizzisce" suggerisce
Magrelli. La Luna
diventa una prugna

frutta secca lasciata
a raggrinzire nell'orto
del sistema solare.


Mentre il cielo profuma di autunno
è primavera alla Future Gallery a Londra:
immaginate alberi di mandarini con prati di gelatina
cieli di marmellata
e fiori
di zucchero: Lily Vanilli

è la Cake Britain, Mad artists e Tea Party

in un letto di pancarrè con scarpe di liquirizia
ripenso all'asta su e-bay che vende un WC:
è di Salinger e costa
un milione di dollari

no, non quello dell'ultima casa - garantisce un uomo
di nome Littlefield

che ha sposato una donna
di nome Joan -

ma l'autentico WC dell'autore del Giovane Holden

Abdullah, Angelica e Andrea - giovani lo sono anche loro
ma a Cagliari e nel quartiere di Sant'Elia, una teoria
di case popolari, sotto il castello di Cagliari. Il regista
Salvatore Mereu ha tenuto un corso di regia/alchimia/stregoneria

i loro diari di vita difficile mi hanno conquistato e ho deciso
di farne un lungometraggio con la mia Viacolvento. Tajabone:
sono scesi gli angeli sulla terra. Cinque sono le storie intrecciate
e tutte vere. Andiamo ragazzi, vi porto a Venezia.

Beppe Fiorello sogna
uno show con suo fratello e la vuvuzela
entra nell'ultima edizione dell'Oxford dictionary.

La trombetta africana ce la fa. A Casoria
un padre viene assassinato per un grappolo d'uva,

a Londra il papa farà un riposino pomeridiano a settembre
e Fini è in spiaggia alla "Strega sul mare"
parla a un venditore
ambulante pakistano
con un libro di poesie in mano.
Umeed pieno di
parole per testimoniare
vent'anni di vita

difficile.
Altrove intanto
il granaio d'Europa è vuoto,

cade una testa per i diamanti di Naomi
e in Belgio nasce
la festa dei non genitori. Liberateci
dall'abuso della memoria. La Repubblica
Italia 20 agosto 2010.

Commenti

  1. La vita è una poesia con i suoi lati positivi e negativi sta a noi renderla migliore. ciao a presto Graziella

    RispondiElimina
  2. Grazie Graziella! A presto,
    Giovanna

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…