CONCORSO FOTOGRAFICO NATIONAL GEOGRAPHIC 2010

Vincitore della categoria Luoghi (2009) N. Cocco
A giudizio della giuria, colui che meglio ha saputo interpretare il concetto di “luogo” è il trentenne Nicola Cocco di Cassola (VI), ingegnere informatico con una grande passione per la fotografia, che ha scovato una stazione abbandonata nel cuore dell’inverno veneto, confezionando un’immagine molto equilibrata che trasmette malinconia e decadenza, ma possiede anche un sottile sapore ironico. «Sono contento che sia stata apprezzata questa fotografia», commenta Cocco, «che non ha nulla di sensazionalistico, non raffigura un luogo esotico, ma che rivaluta il paesaggio italiano in maniera puramente descrittiva».




Siamo tutti fotografi
di Guglielmo Pepe

Domandavamo l'anno scorso: siamo tutti fotografi? Sì, siamo tutti fotografi. Rispondevo così allora e oggi. Magari non bravi come i grandi fotoreporter National Geographic, e gli altrettanto grandi professionisti italiani - alcuni dei quali collaborano anche con noi - che possono competere, con successo, sul palcoscenico mondiale della fotografia. Magari dovremmo farci le ossa, per poter sperare di uscire su NG Italia, sulla rivista, sul sito, però le possibilità, le probabilità che un sogno diventi realtà sono tantissime.

Però bisogna anche sapersi mettere alla prova, bisogna avere il desiderio di sfidare la sorte e il giudizio degli altri. Ecco perché facciamo il concorso fotografico (link a bando di concorso e info). Certamente per darvi la chance di vincere diversi premi - e quest'anno, in particolare, si tratta di riconoscimenti ben più significativi rispetto al passato - e al tempo stesso di misurare le vostre capacità.

Chi ci legge, chi ha seguito nei vari anni la nostra "gara", sa bene di avere alcune garanzie: una giuria altamente qualificata, prestigiosa, che sa valutare se un'immagine merita di essere premiata o scartata; un "marchio di fabbrica", National Geographic, che assicura serietà e professionalità come pochissimi altri mass-media; la possibilità di vedere pubblicate le proprie immagini, sulla rivista e sul sito (anche se non si è vincenti); l'opportunità di partecipare alla finale del concorso mondiale, a Washington. Nelle passare edizioni i vincitori del concorso Nat Geo Italia, hanno sempre conquistato ottimi piazzamenti nelle varie categorie previste. Noi crediamo, dopo aver visto i precedenti "match", che tra gli italiani appassionati di fotografia non pochi sono quelli che hanno le carte in regola per arrivare alla "finalissima".

Tuttavia al nostro appuntamento, e già dallo scorso anno, sono invitati anche i minorenni, i teenagers, le ragazze e i ragazzi tra i 15 e il 18 anni. Molti giovani mi scrivono lamentando il fatto che non essere maggiorenni, li esclude. Noi abbiamo voluto "includerli" e, non a caso, nella passata edizione hanno partecipato centinaia e centinaia di minorenni, mandando foto molto belle e particolari. Ci aspettiamo anche stavolta una larghissima partecipazione, come sempre. Voi sapete come si fa, basta comprare la rivista, in edicola da lunedì prossimo, dove troverete il coupon: senza non inviare scatti, senza non potete gareggiare.

Non diamo consigli su come si possono fare immagini che abbiano un significato tale da meritare l'uscita su NG, oppure da entrare nella élite delle persone, amando la fotografia, che riescono a conquistare spazio sulla rivista, sul sito, a conquistare un posto nell'Olimpo dei fotografi. Per darvi suggerimenti ci sono i nostri blogger, i testi della mia fotogalleria (che arricchiamo settimana dopo settimana). L'unica cosa che posso dirvi, e alla quale credo fermamente, è questa: non abbiate paura di mandarci le foto. E ricordate che i primi "giudici" siete voi stessi. Quando avrete tra le mani uno, due, tra scatti, che meritano, lo capirete, senza dover aspettare l'opinione altrui. E poi, se davvero amate la fotografia, il nostro concorso è un'occasione più unica che rara. Buona fortuna.

Commenti

  1. Indubbiamente una scelta molto oculata.
    Complimenti al vincitore.

    Ps. Grazie delle informazioni.
    Maurizio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari