Passa ai contenuti principali

STORIE COLORATISSIME



Il Post-it compie trent'anni
Storia di note in giallo canarino.
La colla che attacca ma non troppo nasce nel 1968, inventata da un ingegnere della stessa società che brevettò lo Scotch. La produzione negli Stati Uniti cominciò nel 1980 e da allora si è diffusa in tutto il mondo. Senza sostadi KATIA RICCARDI

PRENDETE nota. Il Post-it Notes compie trent'anni. La scoperta dell'adesivo che incolla ma-non-tanto si deve a Spencer Silver, un ingegnere della 3M, la stessa società che nel 1930 brevettò un'altra cosetta di poco conto, lo Scotch. La 3M studiava le varie applicazioni commerciali degli adesivi e Silver nel 1968 inventò una colla che non solo era in grado di aderire a ogni superfice, ma poteva anche essere staccata e poi riposizionata. Resistente ma leggera. Gentile. Leggenda narra che la scoperta fu frutto di un errore, la colla doveva avere ben altra presa ma la formula, invece di dare vita alla più tipica pellicola, si presentava sotto forma di sfere trasparenti. La sua utilità era difficile da prevedere.

Fu la passione per il canto di un collega di Silver a suggerire la soluzione. Art Fry cantava nel coro della chiesa e aveva serissime difficoltà a tenere il segno tra gli spartiti. Metteva foglietti che cadevano regolarmente facendogli perdere filo, pazienza e concentrazione. Decise allora di usare la colla di Silver e l'applicò su piccoli fogli. I primi post-it videro la luce in chiesa, tra gli inni. Fu il colpo di genio. La produzione negli Stati Uniti cominciò ufficialmente solo nel 1980 per estendersi l'anno dopo anche in Canada e in Europa.

Per aver saputo mettere il segno, Art Fry nel tempo è stato premiato per il suo ruolo rivoluzionario nelle comunicazioni d'ufficio. Fu ammesso alla prestigiosa Carlton Society e al circolo 3M della Technical Excellence. E inserito nella lista di Esquire tra le "100 persone migliori del mondo". Oggi Fry è in pensione e passa il suo tempo in viaggio. Per quanto riguarda Silver, si ritirò dalla M3 ne1 1996, dopo trent'anni di onorato servizio e 22 brevetti a suo nome.

Ma la diffusione del foglietto giallo canarino non è stata facile. Dietro, nella parte adesiva, si nasconde il lavoro di molte menti. Nel 1974 Bob Molenda prese in mano il progetto. Lo testò e, come marketing manager, diede origine al Post-it® Custom Printed Notes, poi si ritirò dalla 3M. L'ultimo sforzo dopo 33 anni di lavoro. Jack Wilkins cercò per anni di allargare il mercato. Bill Schoonenberg cominciò da Boise, in Idaho. Mandò in giro per gli uffici i primi campioni. Per allora fu uno sforzo enorme, conosciuto come il Boise Blitz. Invase le scrivanie di impiegati scettici che alla fine, nel 90 per cento dei casi, cominciarono a comprarli da soli. Mai più senza. E poi il vice presidente Joe Ramey che pubblicizzò i Post-it Notes mandando campioni in giro per gli uffici del mondo prima di ritirarsi nel 1988 dopo 40 anni di servizio alla M3. E per finire il manager E. Lynn Wilson. Di questi personaggi potete vedere i volti sorridenti 1 sul sito ufficiale. L'idea era semplice, ma loro furono inventori di mercati d'altri tempi, incollati alle loro poltrone e ai loro sogni.

Al piccolo foglio che attacca un po', si deve la tranquillità di impiegati, ma non solo. Con il Post-it Notes nascono liste plausibili di cose da fare. Impegni da ricordare. L'originale è giallo, ma attualmente sul mercato esistono oltre 600 prodotti marcati Post-it® Notes. La loro caratteristica è che non si spostano, che non lasciano traccia quando vengono rimossi. I post-it sono derogabili. Se un giorno la lista salta, si attaccano al giorno dopo. Senza fatica, senza senso di colpa. Segnatevi anche che dall'inizio della loro produzione i Post-it sono riciclabili. Che oggi si possono trovare in otto misure, 25 forme e 62 colori. Che sono necessari circa 506.880.000 Post-it Notes per circumnavigare il globo. E anche che sono arte pura. Melynda Schwier-Gierard ne ha utilizzati 60mila per i pannelli che espone nelle gallerie d'arte in tutto il mondo.

Nel 2003 la 3M ha presentato i Post-it Notes Super Sticky con le caratteristiche di quelli originali, ma con un adesivo brevettato che ne migliora la capacità di applicazione su computer, stampanti, frigoriferi, automobili. Oltre ai Super Sticky, tra le novità ci sono anche i segnapagina Post-it Index, i Post-it Memoboard per prendere appunti a parete, Post-it Software Notes, quelli digitali, i Notes Dispenser e Organizer, i Post-it Index Duo, che uniscono l'evidenziatore al dispenser. A Minneapolis è stato trovato un Post-it sulla parte anteriore di un aereo. Il volo arrivava da Las Vegas e la nota era destinata al personale di terra. Il foglietto aveva resistito a un viaggio a 500 miglia orarie e 56 gradi sotto zero. Nel 2004 il Post-it è stato inserito tra le opere esposte nella mostra del MoMa "Humble Masterpieces", semplici capolavori. Trent'anni dopo la scoperta, il Post-it fa ancora presa.

(21 aprile 2010)

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…