Passa ai contenuti principali

LEZIONI AMERICANE... DI JOVANOTTI




Jovanotti fa lezione a Harvard
"Musica, diritti umani ed emozioni"
Negli Usa per una serie di concerti, Lorenzo invitato nel più antico ateneo americano per raccontare la sua esperienza. Nell'articolo che segue un'anticipazione dei contenuti del suo discorso. "La musica è uno spazio in cui si realizza un tipo di giustizia che fuori dalla musica non esiste"

Articolo di PAOLO GALLORI (La Repubblica.it)

ROMA - "Io non faccio rap, me ne sono servito come mezzo espressivo in gioventù. Oggi faccio la mia musica e la mia musica vuole solo il bene della gente". Questo rispondeva Jovanotti a chi, qualche anno fa, gli chiedeva di rispondere a chi contestava il suo ruolo di "padrino" del genere musicale in una scena sempre più dominata da rapper incavolati con la vita. Una risposta che sintetizza e spiega, come una massima, le ragioni dell'invito giunto a Lorenzo Cherubini dall'Università di Harvard.

Perché a Cambridge, Massachussets, nel più antico ateneo degli Stati Uniti, oggi Lorenzo salirà in cattedra per parlare di un tema strettamente collegato alla bontà, al bene, alla solidarietà e all'empatia col genere umano: il rapporto tra musica e diritti umani. Un invito che, oltre a impreziosire la tournée statunitense di Lorenzo, suona anche come un alto riconoscimento all'instancabile richiamo della sua musica al desiderio di un mondo migliore e alla responsabilità di tutti per guadagnarcelo.

Jovanotti scrive dall'America per raccontare lo spirito e le intenzioni con cui si appresta a salire sullo scranno della prestigiosa istituzione universitaria. E lascia intendere che non rinuncerà al suo modo di essere, diretto e spontaneo, anche in questa solenne occasione. "Ad Harvard - scrive Lorenzo -, dove sono stato invitato a raccontare il mio punto di vista su musica leggera e diritti umani, parlerò quasi solo di emozioni. Della conoscenza che si acquisisce attraverso le emozioni come qualcosa di diretto e incancellabile".

Di emozioni, domani, Lorenzo arricchirà ancora il suo bagaglio. Perché sarà la prima volta di un cantante italiano di fronte agli studenti di Harvard, giovani di un grande paese che, soprattutto in termini di storia del rock, può vantare esempi di musica al servizio degli ultimi, dei diseredati, dei poveri, contro la guerra, l'apartheid, il razzismo, che vanno da Bob Dylan a Springsteen a Michael Jackson, per citare solo i più popolari.

Allora, quale relazione esiste, per Jovanotti, tra la musica popolare e la diffusione e la difesa dei diritti umani nel mondo? "Nessuno può farsi un'idea di cosa siano i diritti umani se prima non vive e non riconosce l'esperienza di essere prima di tutto un umano in un mondo di umani - risponde Lorenzo - e in questo senso la musica è un mezzo adatto, preciso e anche efficace. Parlerò della mia storia di ragazzo che ha visto il mondo trasformarsi in un luogo interconnesso dove siamo in grado di annullare le distanze".

Annullare le distanze. Per Lorenzo è sempre stato una sorta di "undicesimo comandamento". Uno a cui è impossibile dare del "lei", Lorenzo, da sempre. Dagli esordi da sorridente deejay negli anni Ottanta, capelli cortissimi, inseparabile cappellino con visiera, t-shirt sgargianti, monili di estrazione hip-hop, profeta del divertimento giovanile col suo gergo metropolitano. Poi, nel periodo "adulto", quando i capelli crescono come radici e abbracciano il mondo e i suoi ritmi, dall'Africa all'America Latina, quando anche l'America del rap si arrende a quella del funk.

E' il Lorenzo che diverte anche quando canta per chiedere l'azzeramento del debito dei paesi poveri, incontrando il premier Massimo D'Alema assieme a Bono nel 2000. E' il Lorenzo che fa squadra con Pierò Pelù e Ligabue per urlare il "no" alla guerra in Il mio nome è mai più, destinando i ricavi del disco a Emergency. E' il Lorenzo che nell'estate del 2005 infiamma il Circo Massimo urlando "Roma, l'Africa ti chiama!" durante il concerto italiano del Live8. Prima di internet e della comunicazione mobile, Lorenzo era destinato a polverizzare le distanze. Con la musica.

Ma qui la domanda è un'altra, come altra è la distanza da colmare. "Perché allora la musica? - si chiede Lorenzo -. Cosa c'entra la musica con la giustizia sociale, con i diritti umani, con la povertà estrema, con le libertà individuali? La musica c'entra perché la musica, come dire... lo sa. Un musicista all'interno della sua musica fa esperienza di un tipo di utopia realizzata. La musica, intesa come luogo dello spirito, è uno spazio in cui si realizza un tipo di giustizia che fuori dalla musica non esiste. E allora può succedere, anzi succede, che un musicista, un artista senta il bisogno naturale di colmare quella distanza che divide la musica come luogo di equilibrio dalla realtà come spazio di evidenti ingiustizie".

Smessi i panni del relatore, Lorenzo riprenderà il suo giro di concerti negli States. Arriverà in Massachusetts dalla Pennsylvania, dopo la prima tappa del 22 aprile nel club '9:30' di Washington, quella del 24 nel leggendario Webster Hall di New e il concerto del 25 aprile al World Cafe Live Club di Philadelphia. Mercoledì 28 aprile Jovanotti sarà in concerto a Boston e proseguirà poi in Canada, con concerti a Montreal e Toronto. Chiusura del tour a Chicago.


(27 aprile 2010)

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…