L'AVAMBRACCIO


Ieri sera leggevo con immenso piacere il libro di Roland Barthes Frammenti di un discorso amoroso, perché siamo creature affascinanti, capaci di passioni misteriose e inspiegabili. Forse dentro di noi custodiamo il segreto dell'universo, l'eco di un' esplosione improvvisa e casuale che ha creato la vita, l'amore, la morte.

Tempo fa inviai un racconto alla rivista MarieClaire per un concorso intitolato Scuola di Comics, storie erotiche. In palio per il primo classificato c'era un corso gratis alla Scuola di Comics di Napoli o Roma. Partecipai e un bel giorno vidi la mia storia pubblicata sulla rivista. Mi ero classificata terza e, come sempre, il terzo classificato aveva solo un premio di bronzo cioè la pubblicazione sulla rivista e... nient'altro.

Ieri sera il libro di Barthes mi ha fatto ricordare del mio racconto L'avambraccio. Sono andata a cercare la fotocopia del giornale ed eccolo qui. Devo ammettere che sono felice di averlo salvato dall'oblio e che ci sia questo blog e un post tutto per lui dopo tanti anni!

Come insegna Barthes, ogni storia d'amore ha la sua semiologia, un codice di segni da leggere e interpretare.

Buona lettura!


L'avambraccio di Giovanna Iorio


......


Questo racconto lo trovate in lettura su storiebrevi.it Leggetelo sul vostro i-phone :)




Commenti

  1. Molto bello, specialmente i piccoli dettagli... Non pensavo che gli avambracci e le mani potessero essere elementi così sensuali!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari