Passa ai contenuti principali

DALL'IDEA ALLA PAGINA: DIETRO LE QUINTE DEL LIBRO

I libri dietro le quinte: dall´idea alla pagina, dal lavoro dell´editore alla passione di chi legge, dalla cura del traduttore a quella del libraio, attraversando pagina per pagina tutti i settori, e i diversi generi, dalle fiabe ai bestseller, dai saggi ai racconti. Tutte le persone che fanno un libro (e il suo successo) sono impegnate nella nuova, prossima iniziativa "Libri Come - Festa del Libro e della Lettura" da giovedì 25 a domenica 28 marzo all´Auditorium Parco della Musica qui a Roma. Trentacinque i protagonisti, per svelare il "come" dei libri: per primo, Jonathan Safran Foer (il 3 marzo in un´anteprima allo spazio Risonanze) in cui l´autore di Ogni cosa è illuminata parla di "Come si diventa scrittore (vegetariano)" con Irene Bignardi.

A seguire, quattro giorni di appuntamenti con protagonisti come Antonio Tabucchi (Come si scrive un racconto), Aharon Appelfeld (Come si può scrivere dopo la Shoah?), Fabio Volo (Come scrivo i miei libri), Dario Fo (Come leggo, come scrivo), Stephen Frears (La scrittura creativa del cinema) Niccolò Ammaniti (Io ho paura, le scene terrificanti dei film)... Inevitabile e per forza di cose persistente la dimensione privata del libro-oggetto e della sua creazione, nell´esperienza dei protagonisti. Più tecnico l'approccio degli addetti ai lavori che illustrano, per esempio, "come si scrive il primo libro" (da Nicola Lagioia a Mariolina Venezia) oppure gli esperti dell´associazione italiana editori che guidano a capire "come leggono i libri i ragazzi", passando per i libri di cucina, i libri di storia e i manuali di catechismo. Da segnare in agenda, l´appuntamento con i vent´anni dalla scomparsa di Alberto Moravia ricordati con René de Ceccatty, autore di una monumentale biografia dello scrittore romano.

Diversa dalle altre iniziative romane dedicate ai libri e alla lettura, come il Festival delle Letterature di Massenzio e la Fiera della Piccola e media editoria al Palazzo dei Congressi dell´Eur, entrambe con curriculum ormai quasi decennale, "Libri come" vuole soprattutto aprire ai lettori le porte di un mondo pieno di cose da scoprire. La festa è nata da un´idea di Marino Sinibaldi, direttore di RadioTreRai, insieme a Carlo Fuortes e Gianni Borgna, amministratore delegato e presidente di Musica per Roma, con 450 mila euro di fondi su un progetto di durata triennale, che ha avuto il patrocinio del Comune di Roma. «Abbiamo voluto integrare altri format di successo per noi - racconta Borgna - come il Festival della Storia, della Filosofia, della Matematica». E Fuortes: «Abbiamo ormai la prova che quando si apre il sipario sugli aspetti più tecnici di un mondo, il pubblico risponde decretandone il successo».

Affianca la manifestazione, il Garage: cinque officine in 2200 metri quadri dove si svolgeranno oltre cento incontri promossi da una sessantina di editori con circa 250 tra narratori, poeti, illustratori e critici tutti a ingresso libero.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…