Passa ai contenuti principali

I SONETTI DI LADY AUGUSTA GREGORY


Lady Augusta Gregory

Sono pochi a conoscere l’affascinante vita di Lady Augusta Gregory, fondatrice insieme a William Butler Yeats, dell’Abbey Theatre, il primo teatro nazionale a mettere in scena l’anima pulsante della nazione irlandese. Fu Lady Gregory, giovane vedova di Sir William Henry Gregory a resuscitare il passato dell’Irlanda con le sue leggende, i suoi eroi, le sue eroine vibranti d’amore. Ai deboli fantasmi del passato rurale irlandese, Lady Grefory affidò il compito di risvegliare la speranza di tutta la nazione. Lady Gregory fu non solo la garante legale dell’Abbey, ma anche autrice, traduttrice, attrice: lavoratrice instancabile tradusse dal gaelico, dall’italiano, dal francese. Prese dal presente degli altri Paesi e dal passato dell’Irlanda tutto quanto potesse risvegliare l’orgoglio nazionale dei suoi concittadini e spettacolo dopo spettacolo, creò l’Irlanda.
Vi propongo i suoi sonetti da "A woman's sonnet" dedicati a Alfred Blunt, poeta ed attivista politico.


I

Se potessi rivivere il passato
e scegliere tra il bene e il male
accetterei gioia e dolore
o ardirei sperare di non avervi mai incontrato?
Sopporterei di perdere quelle ore felici
quando l’amore nacque inatteso e inconfessato:
quel giorno d’estate quando un bacio improvviso
ci destò rivelandoci il nostro segreto?
Non lo farei. Nemmeno per sfuggire al dolore,
al dubbio e al tormento che mi assalirono,
mentre mi dibattevo invano tra la mia coscienza e voi
finché allo stremo, priva di forze,
compresi che voi o l’amore o il fato
mi avevate conquistato e ogni rimpianto era vano.



II

Mio unico amore non ve ne andate ora!
Lasciate che vi tenga la mano ancora.
E’ troppo presto per chiedermi di dimenticare
troppo presto perché io sia bandita dalla gioia.
Il futuro che ho dinanzi è tenebra,
spero solo di cancellare il passato.
Quando siete vicino e vedo il vostro viso
su di me splende il sole, eterno è il giorno.
Ma il tempo e il fato avvicinano l’ora del nostro addio
ché ben so il vostro amore non durerà –
ma forse allora sarò diventata forte,
più forza e volontà per seppellire il passato!
Ah! Amatemi un istante ancora
questo solo vi chiedo, questo piccolo dono.



III

Dov’è l’orgoglio per cui un tempo venivo biasimata?
L’orgoglio che mi faceva andare a testa alta?
Chi lo crederebbe, vedendomi così domata
a supplicare menzogne prostrata ai vostri piedi–
a implorare l’amore che ora è tutta la mia vita –
a elemosinare una parola da affidare alla memoria,
a invocare un segno che fermi il mio profondo dolore,
a chiedere una carezza che mi addolcisca il sonno –
a baciare a testa bassa il suolo
calpestato da colui che amo,
dominata e guidata da quella voce il cui suono
mi è più caro della voce di Dio.
E tutto il tempo sapere che un giorno buio
freddo e distante voi mi lascerete.

IV

Se arrivasse quel giorno ingrato e il mondo
conoscesse il mio intimo segreto tanto nascosto,
e gettasse insulti e scherni sul mio capo basso,
svelato il mio amore e la vergogna,
io non potrei, come certe donne sono solite fare,
schernire lo scandalo e col tempo dimenticare:
non potrei, sapendo che è tutto vero,
levare il capo e sfidare le dicerie della gente.
Non ho il coraggio per simili trucchi e inganni,
né provo a ostentare un nome disonorato.
E’ tale ancora il ricordo dei primi giorni
e tale il terrore di quell’onta meritata
che quando quel giorno verrà, con un solo urlo disperato,
morrò invocando il perdono dei miei peccati.


V

Che importa quanto mi costerà, vi dico addio,
non vi vedrò, non vi parlerò ancora.
Se le pene dell’inferno spettano a qualcuno qui in terra
mia sia la tortura, mio il dolore.
E se la mia vita divenisse inutile, inerte e vuota,
se la mia ultima speranza d’amore si frantumasse?
Meglio che rischiare il disonore di colei
che in fasce mi tenne in braccio.
non ho il diritto di recare un simile dolore
alle vite di chi mi ha amato,
nessun diritto di turbare i defunti nella ritrovata pace
svelando il mio peccato e il totale degrado.
Cerco la loro pace, e nonostante nel mio animo dimori
l’ardua lotta, io non cederò.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…