Passa ai contenuti principali

PASSALIBRO

In America si chiama "Bookcrossing", ed è uno dei fenomeni socio-culturali del momento.
I membri di una vasta comunità di amanti dei libri si incontrano virtualmente in internet per donare e/o ricevere un libro giudicato particolarmente importante e significativo, che a sua volta sarà poi donato e/o ricevuto tante volte quante troverà un nuovo lettore disposto ad accoglierlo. Sul sito il libro viene opportunamente schedato ed è poi possibile sapere dove è stato lasciato, regalato, volutamente dimenticato, dato in beneficenza... il libro inizia così un viaggio, le cui tappe sono indissolubilmente legate agli spostamenti di chi trova il volume, lo legge, e poi lo riconsegna all'avventura di un nuovo lettore, comunicandone la nuova ubicazione.


Condividere, e del tutto gratuitamente, sembra dunque essere la parola d'ordine del bookcrossing Fahrenheit, il programma quotidiano di Radio3 in onda dalle 15 alle 18, ha lanciato l'iniziativa in Italia. Fahrenheit si collega telefonicamente, dal lunedì al venerdì alle 15:15, con coloro che mandano il proprio volume in viaggio: per questo è importante segnalare in anticipo la propria disponibilità lasciando un recapito telefonico per essere contattati dalla redazione. Particolare importantissimo. Sulla prima pagina interna del libro bisogna scrivere, utilizzando penne, pennarelli e tutto quel che si desidera, questa frase:


"QUESTO NON E' UN LIBRO ABBANDONATO, MA UN LIBRO CHE CERCA LETTORI. CHI LO TROVA, LO LEGGA E LO FACCIA CIRCOLARE, E NE DIA NOTIZIA A FAHRENHEIT, RAI RADIO3, 06 3244958 06 3244958 oppure attraverso il sito www.fahrenheit.rai.it nella sezione Passalibro".

Oppure stampate questa etichetta e incollatela sul libro:

Fahrenheit seguirà via radio e via e-mail le tappe di ognuno dei libri che sono stati lasciati liberi.

ECCO LA LISTA DI ALCUNI LIBRI "SMARRITI" A ROMA E PROVINCIA! (327 libri)

1 Heinrich Böll, L'onore perduto di Katharina Blum, lasciato da Luisa nel pratone di fronte alla Facoltà di Psicologia dell'Universita' La Sapienza di Roma.

2 Stefano Martello e Gennaro Pesante, Santi, poeti e comunicatori, trovato da Maria Luisa vicino all'Auditorium di Roma. Lo ha lasciato sugli scalini della chiesa di Viale Regina Margherita a Roma.

3 Bruno Bettelheim, Un genitore quasi perfetto, lasciato da Francesca nella sala d'aspetto di un pediatra a Roma

4 Nantas Salvataggio, I fuggitivi, lasciato da Fausta nel Liceo Classico Amedeo di Savoia di Tivoli

5 Maria Padula, Il vento portava le voci, lasciato da Fausta al teatro Valle di Roma

6 Letizia Cella, Mammacannibale, lasciato da Fausta in un bar di Largo Argentina a Roma

7 Tatanka: biografia di un cucciolo con famiglia a carico, Deny Tito Braha, trovato da Paola al Parco dei Daini a Roma

8 Almost blu, Carlo Lucarelli, lasciato da Anna Grazia alla mostra "Gli anni della radio", al complesso del Vittoriano a Roma

Kitchen, Banana Yoshimoto, trovato da Francesco a Villa Borghese a Roma

10 La macchina morbida, William Burroughs; Fitoterapia comparata, Autori vari; Almost Blue, Carlo Lucarelli, lasciati da Adriana su un treno Roma-Bologna

11 La prospettiva come 'forma simbolica, Erwin Panofsky, lasciato da Franco a Roma su una panchina a Villa Lazzaroni, Via Appia

12 Il racconto dell'isola sconosciuta, Josè Saramago, lasciato da Marina sul battello di collegamento tra Capodimonte e l'isola Bisentina, sul lago di Bolsena

13 Erri De Luca, In alto a sinistra, lasciato da Paola nei pressi del Goethe Institut a Roma

14 C. Urbani, Lettere senza frontiere, lasciato da Paola all'incrocio di Viale Regina Elena a Roma

15 Diego De Silva, Voglio guardare, trovato da David, rilasciato in un bar nel quartiere romano di Testaccio e poi trovato da Valentina

16 George Orwell, La fattoria degli animali, liberato da Adriano sulla linea del bus 60 a Roma

Ed io per ora mi fermo qui...ce ne sono altri 311...in giro !

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…