Passa ai contenuti principali

LA BIOGRAFIA DI JOHN LENNON


Una bella pagina di ricordi del figlio di John Lennon chiude il libro: 'John Lennon. La biografia', il volume scritto da Philip Norman ed edito dalla Mondadori (568 pagine, 25 euro). Norman è forse il più grande esperto della storia dei Beatles: ha realizzato quest'opera sulla base di centinaia di testimonianze inedite ed esclusive.
In particolare mi hanno colpito i ricordi del figlio di John Lennon, Sean, perché sono sconnessi come quelli di un bambino che non riesce a ricostruire il volto del padre scomparso e che, per riuscirvi, si aggrappa ai piccoli fiori bianchi e blu di un kimono o a un sussurro che non ha ancora smesso di vibrare.

Ne approfitto, prima di riportarvi la pagina di cui parlo, per riascoltare insieme a voi una delle più belle canzoni natalizie di tutti i tempi...Natale sta arrivando!



Philip Norman: "John Lennon. La biografia" Mondadori, 2009
"Incontro Sean Lennon in un piccolo e disordinato appartamento in quella parte quieta e tranquilla del quartiere londinese di Chelsea soprannominata 'World's End'. Sebbene sia diventato, proprio come suo padre, un musicista e compositore - e particolarmente brillante, anche se in un modo del tutto diverso - i suoi concerti non hanno alcunché di grandioso.
Ormai più che trentenne, Sean assomiglia a suo padre nel 1969: gli stessi occhi castani che si muovono inquieti dietro gli occhiali rotondi, lo stesso naso, la stessa barba scura e riccioluta, persino lo stesso modo di fare anelli di fumo con le sigarette. Soltanto di profilo si riconoscono Yoko e la sua parte giapponese. Ha lo stesso modo di parlare di John e la sua stessa irrefrenabile capacità di inventare giochi di parole. La sua voce melodiosa dall'accento americano talvolta sembra assumere un'inflessione britannica, persino di Liverpool, come se qualche indistruttibile particella di John rimanesse ancora negli strati più profondi della sua personalità. E, proprio come un tempo John aveva fatto per 'Rolling Stone', anche Sean si siede, appoggia i piedi scalzi sul tavolo e si apre alle mie domande.

Quando John fu ucciso Sean aveva appena cinque anni, vale a dire l'età in cui la memoria sta appena iniziando a formarsi. Mi confessa che, prima del mio arrivo, ha cercato di recuperare e ricomporre tutte le sconnesse e inevitabilmente irriflesse immagini rimaste nei suoi ricordi di bambino. "Ricordo mio papà che mi insegna a costruire un aeroplanino di carta - che so ancora costruire esattamente nello stesso modo - e poi a farlo volare. Mi ricordo che guardavamo insieme il 'Muppet Show' e 'Jeckyll and Hyde', e che non mi era permesso vedere altro alla televisione".


Comunque, già a quell'età, Sean riconobbe, per citare le parole di una delle ultime autoanalisi dello stesso John, il piccolo bambino che stava dentro il grande uomo. "Ricordo che Alice, la nostra gatta nera, inseguendo un piccione si era lanciata dalla finestra ed era morta, e ricordo che quella fu la sola volta, credo, in cui vidi mio papà piangere. Molti ricordi hanno come sfondo l'acqua: il caldo e azzurro oceano delle Bermuda; le gelide e grigie onde di Long Island; la piscina piena di cloro della Ymca. Era orgoglioso del fatto che sapevo nuotare benissimo. Ricordo che a Cold Spring Harbor avevamo una barca a vela di colore verde e credo che io l'avessi chiamata Flower. Ricordo che una volta Fred Seaman la fece accidentalmente scuffiare e tutti noi ci ritrovammo in acqua; mio padre mi stava accanto, e ricordo di aver visto le ciabatte che mi avevano comprato in Giappone trasportate via dalla corrente: mi dispiaceva moltissimo perche adoravo quelle ciabatte, ma mio padre mi disse: 'Non ti preoccupare, te ne prenderemo un altro paio.'. Poi io gli chiesi: 'Ci sono pesci in acqua?', e lui rispose di sì, facendomi venire una gran paura. Ma c'era lui a proteggermi, e in realtà è un bel ricordo: a galla in mezzo all'oceano con mio papà e la barca capovolta. Ricordo che in casa indossava sempre un kimono yukata a motivi floreali bianco e blu e che teneva i capelli raccolti a coda di cavallo. Faceva anche bruciare un sacco di incenso. Me lo ricordo suonare la chitarra, mentre anch'io toccavo le corde e cantavo insieme a lui. Cantava sempre una canzone su 'Popeye the sailor man, lives on the Isle of Man.'. Ricordo che girava sempre scalzo; non portava mai le scarpe, e quando lo faceva, erano quasi sempre delle ciabatte. E per qualche motivo cercava di insegnarmi ad afferrare penne o altri oggetti con le dita dei piedi. Lo faceva continuamente perche aveva una straordinaria abilità ed era estremamente snodato. Mi ricordo che, seduto sul sedile della nostra Mercedes familiare, riusciva a mettersi la gamba dietro la nuca. E mi ricordo che si divertiva un sacco a saltare sul letto". Cosa tutt'altro che sorprendente, uno dei ricordi più cari è il suono della voce di John. "Ogni sera, quando andavo a dormire, veniva nella mia stanza e diceva: 'Buo-na-not-te, Sean', accendendo e spegnendo la luce al ritmo delle sue parole".

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…