ADOTTA UNA PAROLA ONLINE




Il 90% delle nostre conversazioni si basa su un numero piccolissimo di vocaboli: solo 7.000! Il resto delle parole resta inutilizzato (silenziose le ritroviamo nei dizionari, nei libri impolverati ecc. ). Cosa accade quando nel mondo muore una parola? Il silenzioso buco nero si espande, con le parole scompaiono interi universi... mai più avremo la possibilità di pensare quello che la parola, scomparendo, ha cancellato.
Per questo mi piace l'iniziativa Save the Words, un sito che invita gli utenti a indicare termini desueti o in via di estinzione. Andate a visitarlo (sotto l'immagine c'è il link): troverete un muro animato pullulante di parole che rischiano di scomparire. "Aiuto", "Scegli me!" "Io, io" ...mentre scorrete il mouse vi implorano di fermarvi a leggere il significato e valutare la possibilità di salvarle!
Un'idea per salvarle? Adottarne una! Si può ordinare una T-shirt con la parola prescelta a 25 dollari (meno di 20 euro!)

Io ho scelto blateration che vuol dire blabber, chatter! Mi ha sorpreso trovarla tra le parole in disuso...come può essere sul punto di scomparire una parola così attuale!

Per un osservatorio della lingua italiana, invece, vi invito a consultare il sito Accademia della Crusca.
Ecco una lista di parole nuove, o neologismi, o baby-vocaboli da poco entrati nell'uso ufficiale e corrente (fiocchi rosa e celesti da allevare con tenerezza!)

Le ultime nuove parole:

Sitografia
Videofonino
No global (o no-global)
Badante
Girotondo
Autodosarsi
Bipartisan
Cartolarizzazione
Autoconvocarsi
Bioterrorismo


Commenti

Post più popolari