Passa ai contenuti principali

FOTO DI PAESAGGI E RESTAURI DI PAESI


Andretta (Av) in una foto del poeta Franco Arminio


Veduta di Montefusco (Av)

Alcune foto di Apice Vecchia (Benevento) foto di Pannarese


Apice Vecchia (Bn)


Apice Vecchia (Bn)

C'è chi fotografa paesaggi e c'è chi compra castelli e paesi. Wim Wenders, di cui abbiamo parlato ieri, fotografa paesaggi che rischiano di scomparire. Oggi parliamo di Daniele Kihlgren che compra (e restaura) paesi e castelli abbandonati. I paesi di cui si è innamorato lo svedese quarantenne, figlio in una ricca famiglia di imprenditori, sono piccoli borghi medievali che sorgono su colline lussureggianti nel cuore del Sud.
Non so se vi è mai capitato di visitare l'Irpinia post-terremoto. Ogni paese ha il centro storico che sorge in cima alla collina, svuotato come il guscio di una lumaca, e più giù, a valle, il nuovo centro abitato con case anonime, cemento, strade e i cittadini deportati che vagano ai piedi del loro paese distrutto e abbandonato. Questo è lo scenario di cui sono stata testimone dopo il sisma del 1980 e oggi, dopo aver letto dell' uomo che salva i borghi per farne alberghi diffusi e restituire l'anima al Sud dell'Italia, spero tanto che il signor Kihlgren venga a far visita a Tufo, Montefusco, Prata, Apice, e tanti altri paeselli dell'Irpinia. I paesi-fantasma dove le case sono state abbandonate dalle migliaia di famiglie di terremotati. Una volta una mia amica architetto, Angela, mi ha portato in uno di questi paesi per fare dei rilievi in una casa da restaurare. Mi colpì, in quell'occasione, la sensazione di vite interrotte entrando nell'abitazione silenziosa. Letti disfatti, tende polverose, fotografie e quadri alle pareti, nell'acquaio perfino piatti e bicchieri da mettere via. Il signor Kihlgren, che non è alla ricerca di ragioni di un tale abbandono, dice che "ce l'abbiamo messa tutta a distruggere" un grande patrimonio. Io mi chiedo perché? Cosa si nasconde dietro l'abbandono e il degrado dei borghi medievali del Sud? Perché le famiglie hanno abbandonato le loro case e tutti i loro averi per trasferirsi in caseggiati di cemento, privi di storia e senza bellezza? Se la fotografia fa domande, la letteratura, a volte, si mette alla ricerca di risposte.
Un amico poeta, irpino e coraggioso testimone, Franco Arminio vive e scrive in uno dei tanti paesi fantasma di cui vi ho parlato. Per lui l'Irpinia è il paese di cui nutrirsi e di cui morire. La risposta ai miei perché forse è nelle sue parole:

E' Irpinia
cadono gli alberi
senza incontrarsi

La poesia sembra suggerire che il Sud è fatto di tanti individui, grandi, forti che purtroppo non si incontrano. E' un bosco di querce solitarie, destinate a cadere. Contro questo destino è giunto il momento di unire imprenditoria coraggiosa, parole di poeti e sguardi salvifici di fotografi: tempo di recarsi in Irpinia (e nelle altre terre abbondonate del Sud) a fotografare i paesi distrutti e abbondanati di cui vi ho parlato, a comporre poesie di fronte alle rovine, è tempo di esercitare quello sguardo d'amore di cui parla Wenders per sottrarre all'oblio tutto un mondo prezioso che rischia di essere cancellato.
E proprio come nel film di Wenders, Il cielo sopra Berlino, spero di scorgere, tra le rovine, l'angelo svedese con la sua "lunga lista di amministratori locali in tutto il Sud che ci hanno chiesto un intervento nel loro comune. Andremo a visitarli tutti e sono sicuro che troveremo altri posti incantevoli da restaurare."










Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…