Passa ai contenuti principali

QUANDO ERO BAMBINA...


...mi piacevano le storie che mi raccontava mia nonna. Incoronata. Si chiamava così. Un nome che mi è sempre sembrato misterioso. Significa "colei che ha ricevuto una corona", dunque è sinonimo di "regina". Mia nonna era una regina! Nella mia fantasia lo era. Soprattutto d'inverno, quando si trasferiva a casa nostra, a trascorrere i mesi più freddi. Arrivava di sera e quasi sempre, poco dopo il suo arrivo, l'inverno si annunciava: tormente di neve, grandi piogge e vento di bufera. Forse era la regina dell'inverno, forse controllava i fenomeni atmosferici e sapeva far cadere giù la neve, o i chicchi di grandine, così saremmo stati buoni per ore, incollati al vetro della finestra, ad ammirare lo spettacolo di ghiaccio.
E poi aveva un buon profumo. Di sapone di marsiglia, di bucato asciugato al vento, di biancheria appena stirata con un ferro scaldato sulla brace del camino.
Un giorno, tanto tempo dopo, se n'è andata, e con lei tutte le sue storie, mai scritte, raccontate con voce sempre più tremula e sbiadita che sapeva suscitare gridolini di terrore e domande curiose.
Ho provato a scriverle, quelle storie, ma sembra che non abbiano la bellezza di allora, sono storie che ho sempre sentito narrare, un repertorio orale di memorie di una donna che ha attraversato guerre e anni di incertezze e paure. La magia delle sue fiabe veniva, forse, da quel suo stupore un po' da bambina che le dilatava le pupille nere mentre, con dovizia di particolari, descriveva un quadro della sua storia.
Stasera, che mi siedo qui davanti a un BLOG a scrivere ai miei studenti, mi chiedo se vi possa servire a qualcosa questo mio ricordo nostalgico. Forse a rispolverare le storie che qualcuno vi ha raccontato da bambini (quindi non troppo tempo fa :-))!
Mia nonna mi diceva sempre, prima di spegnere la luce, che i sogni erano d'oro se si dormiva con la faccia rivolta ad oriente...buonanotte e sogni d'oro!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…