Passa ai contenuti principali

LA FRASE DI PROUST



Una nuova settimana, l'ultima di luglio! A cosa la dedichiamo? Vediamo un po'... che ne dite di dedicarla alla lentezza? C'è un bel libro di Kundera, intitolato La lentezza in cui l'autore esalta il piacere di ritrovare il ritmo desueto della non velocità.
Si sa, le vacanze volano, l'estate passa in un baleno, la vita è un attimo da cogliere e rincorrere. Queste frasi ci spingono all'azione, alla velocità anche quando non ce ne rendiamo conto.
Allora è meglio imparare a gestire il tempo, a centellinarlo prima che l'estate ci scorra addosso come l'acqua di una doccia. Ancora una volta impariamo dagli scrittori: chi scrive gioca con le lancette , è un orologiaio un po' matto, una divinità che passa il tempo a rovesciare clessidre e a scegliere se rallentare o accelerare.
Oggi, vi invito a scoprire uno scrittore particolarmente lento, che ha dedicato quasi tutta la sua vita, e soprattutto le sue notti, a cercare il tempo perduto. Sto parlando di Marcel Proust e del romanzo in sette volumi, Alla ricerca del tempo perduto scritto tra il 1909 e il 1922.
Marcel soffriva di asma, una malattia che gli impediva il riposo notturno. Il respiro irregolare e sofferto lo costringeva a notti insonni, le cui ore si dilatavano al ritmo dell'angoscioso inspirare dello scrittore. Marcel Proust scriveva a letto, in una stanza foderata di sughero, per far sì che nessun rumore lo raggiungesse.
Cos'è che rende la scrittura proustiana un inno alla lentezza? Ebbene, lo scrittore amava le descrizioni lunghe e prolisse, gli aggettivi con cui sezionava il mondo intorno a sè potevano riempire pagine e pagine. Esiste "la frase di Proust": lunga, interminabile, come un respiro malato che non si conclude, come chi inspira aria e non la lascia mai fuoriuscire. Una frase che può dare il capogiro, interminabile, quasi.... asmatica. Insomma, leggere Proust significa sentire il respiro irregolare dello scrittore nella sua stanza foderata di sughero, nelle notti lunghe e interminabili.
Ecco una sua frase (l'incipit de All'ombra delle fanciulle in fiore) sulla quale indugiare, se vi va, per tutto il pomeriggio. Per rallentare lo scorrere di questa settimana vi consiglio di provare a scrivere alla maniera di Proust: una serie infinita di frasi subordinate, poca punteggiatura e qualche punto ogni trentina di righe! Vi garantisco che una frase lunga e complessa come la sua è una sorta di labirinto da cui il tempo non potrà fuggire!

Quando si trattò di avere per la prima volta a pranzo il signor di Norpois, siccome mia madre diceva che era proprio un peccato che il professar Cottard fosse in viaggio e che lei avesse smesso del tutto di frequentare Swann, perché l'uno e l'altro senza dubbio avrebbero interessato l'ex ambasciatore, mio padre rispose che un convitato eminente, un illustre scienziato come Cottard non poteva mai sfigurare in un pranzo, ma Swann, con la sua ostentazione, e quel suo modo di strombazzare le conoscenze più insignificanti, era un volgare sbruffone che il marchese di Norpois avrebbe di sicuro giudicato, secondo la sua espressione, "pestifero".

[Marcel Proust, All'ombra delle fanciulle in fiore, traduzione di Franco Calamandrei e Nicoletta Neri, Mondadori, Milano, 1951.]


Commenti

  1. Il deserto
    La città, per tanti uno stile di vita, per altri una faticosa rutine, per molti una casa.
    Questi immensi agglomerati di pensieri, voci, emozioni, e gli immancabili bipedes (mi piace troppo questa parola) causa del trambusto.
    Tubature, palazzi, strade, cavi, antenne, auto tutto quello che ti ricorda la civiltà, o meglio quello che noi pensiamo sia la civiltà anche se lastricare tutto in cemento e inquinare non mi sembra molto civile.
    Queste immense radure grigie su google earth si svuotano quasi completamente lasciando un vuoto. Il caldo e il silenzio prendono il sopravvento dominando la città. Per i pochi rimasti sembra quasi impossibile. Tutto chiuso a volte qualche bar che resiste alla caluria estiva. Una macchina ogni tanto sfreccia faccendo sbattere i tombini sconnessi sulla carreggiata che ecano sulle serrande e le persiane chiuse.
    I semafori rossi nella speranza che ci sia qualcuno a fissarli impazzientemente come in quelle giornate lavorative dove durante l'ora di punta dove tutti gli occhi si concentrano speranzosi su quella lucetta verde nella struggente attesa della sua accensione. Le poche volanti della polizia accostate sotto ad un albero sfuggendo al calso nella attesa di trovare qualcuna da multare che non c'è.
    I supermercati deserti con una cassiera solitaria che fa un solitario cercando di non sentire troppo la mancanza di quel "bip..bip..bip"che tanto non sopporta nei giorni normali.
    Ler città si spremono come limoni e in contemporanea le località turistiche si gonfiano come palloncini come su una bilancia che però non si ferma mai.

    RispondiElimina
  2. Mi sa che io e Proust non andremo mai tanto d'accordo!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…