IL GIOCATORE


Fra poche ore 100 milioni di euro potrebbero finire nelle tasche di qualcuno (basta aver giocato!) che improvvisamente si ritroverà con una somma che nessun lavoratore sarebbe in grado di guadagnare in dieci lunghe e laboriose vite.
Nell'attesa di diventare quel fortunato miliardario, intratteniamoci cercando di capire che cosa hanno nella testa i giocatori d'azzardo.
L'azzardo è una partita individuale con il fato: è questo a renderlo esaltante e blasfemo. Su La Repubblica di oggi il matematico Piergiorgio Odifreddi tenta di dissuadere i giocatori incalliti affermando che per arricchirsi "basta smettere di giocare!" Infatti ciascuno di noi ha solo una possibilità su dieci milioni di azzeccare la combinazione giusta...forse anche meno! L'illustre matematico cita anche il filosofo Blaise Pascal: giocare è come la scommessa sull'esistenza di Dio del filosofo. Lui sosteneva che le questioni religiose non si affrontano bene con la razionalità: credere in Dio è dunque come giocare al Superenalotto: se vinci vai in Paradiso! E se perdi, ci hai provato...
E voi, ci credete nella FORTUNA? Vi è mai capitato qualcosa di inaspettato e bello che vi ha indotto a credere nella Dea Bendata? Che ne pensate dei giocatori d''azzardo? Sono persone "malate" o piuttosto "instancabili sognatori".
Un bel libro che entra nelle teste a forma di roulette e carte da gioco dei giocatori è il bellissimo "Il giocatore" di Fedor Dostoevskjj. Mentre era impegnato a scrivere il capolavoro "Delitto e Castogo" fu costretto a scrivere un romanzo in soli 2 mesi...indovinate perché? Doveva ripagare dei debiti di gioco!
Qualcuno di voi quest'anno ha letto ed amato "Le notti bianche" di Dostoevskij, un libro avvolto da una magica luce lunare che vi ha emozionato e fatto conoscere Pietroburgo e il suo fiume silenzioso che scorre nel cuore della città. Se volete un altro esempio della grandezza di questo autore russo, immergetevi nella mente de "Il giocatore", illuminata con una luce spietata. Vi lascio con una frase di Dostoevskij che mi fa sempre pensare...e poi IN BOCCA AL LUPO con il Jackpot! Se vincerete una somma simile vi accorgerete di avere tanti, insperati amici (un bene o uin male?)

"Penso che, se il diavolo non esiste, ma l'ha creato l'uomo, l'ha creato a sua immagine e somiglianza." F. Dostojevskjj "I fratelli Karmazov"

Commenti

Post più popolari