Passa ai contenuti principali

CURIOSITA' SU AGATHA CHRISTIE


« Agatha Christie è la donna che, dopo Lucrezia Borgia, è vissuta più a lungo a contatto col crimine » (Winston Churchill)

« An archaeologist is the best husband any woman can have: the older she gets, the more interested he is in her. »

« Un archeologo è il marito ideale: più invecchi e più ti trova interessante. »
(Agatha Christie, parlando di suo marito, Max Mallowan).

Commenti

  1. Ho finito testimone d'accusa.
    Particolare direi.
    Adesso continuo dato che il libro che ho preso contiene altre storie di Agatha Christie.
    Mi è piaciuto, anche se il concetto e la trama sono ottimi, secondo me lo svolgimento poteva essere ancora più coinvolgente.
    Mi ha sorpreso l'ultima riga e gli ha datto un tocco che mi ha fatto vermante cambiare giudizio. bello! se non era per quella sarei rimasto deluso, e invece "paff" mi ha riacceso.
    Però vorrei aggiungere che le deduzione e le descrizioni di Sherlock Holmes riomangono sempre più affascinanti. Anche se le descrizioni dei vari personaggi sono molto coinvolgenti e la riflessione sui vizzi mi è piaciuta molto.
    Giacomo

    RispondiElimina
  2. Ora prova a riflettere su quell'ultima frase. Mi sai spiegare meglio in cosa consiste il "paff" che ti ha riacceso?
    Si, il caro Holmes non è da meno, ma Agatha è una che sa il fatto suo. Mi riporti almeno una descrizione di uno dei personaggi?
    A dopo!

    RispondiElimina
  3. Descrizione:
    Mayherne era un tipo minuto, dai modi un pò pedanti, vestito in maniera inappuntabile, per non dire con affettazione e con due occhi grigi, dallo sguardo acuto e molto penetrante. Era tutt'altro che uno sciocco. Anzi, come legale, il signor Mayherne godeva di un'ottima reputazione. La sua voce, quando si rivolgeva al cliente, era asciutta ma non priva di calore.

    Il "paff" finale per me significa molto. Leggendo l'ultima parte dicevo: "facile, prevedibile niente di spettacolare" quasi mi dispiaceva e già pensavo che Arthur Conan Doyle era un genio. Poi questa frase. Bè questo cambia tutto i fatti il racconto anche i personaggi. Ero felice. Avevo capito. Tutto torna grazie a quella frase.

    RispondiElimina
  4. QUESTO è CARINO

    Oggetto: Studi interessanti
    Secnodo un pfrosseore dlel'Unviesrita' di Cmabrdige,

    non imorpta in che oridne apapaino le letetre in una paolra,

    l'uinca csoa imnorptate e' che la pimra e la ulimta letetra

    sinao nel ptoso gituso. Il riustlato puo' serbmare mloto

    cnofsuo e noonstatne ttuto si puo' legerge sezna mloti

    prleobmi. Qesuto si dvee al ftato che la mtene uanma non

    lgege ongi ltetera una ad una, ma la paolra nel suo isineme.

    Cuorsio, no?

    Slauti.

    RispondiElimina
  5. Ciao Giacomino,
    qui va " a tutto sole" ... siamo in Calabria e finalmente il sole splende!
    La descrizione che mi hai riportato è interessante: quali sono gli elementi che vengono messi in evidenza?
    Si, occhi e vocE, il vestito e i modi. Questo ci dice che siamo di fronte ad una scrittrice che privilegia la "mente" e crede che la scrittura possa svelare l'essenza di una persona. Siamo quindi lontani da un Pirandello, per esempio, dove le descrizioni sono un pretesto per mettere in mostra "la maschera" del personaggio e svelare il grottesco.
    L'inizio e la fine di un racconto sono IMPORTANTISSIMI. E la tua storia te l'ha confermato...cosa hai da dirmi sull'incipit del racconto? Qualcosa di memorabile anche lì?

    p.s.
    Carino questo brano, sono riuscita a capire tutto! Ma non cominciate a scrivere anche voi così...:)))

    RispondiElimina
  6. Salve Ms.Iorio le parlo con una connessione internet senza fili della vodafone (facciamo un p'ò di pubblicità occulta) ...LENTISSIMA...
    Sono in barca e qui forse c'è troppo sole.
    Questo è l'unico posto dove leggo (ma solo di giorno dato che qui funziona tutto al contrario si dorme di giorno e si sta svegli di notte) quindi ho messo da parte le altre novelle di Agatha Cristi per il momento (mi piace cambiare) e ho iniziato Le Città Invisibili di Calvino (intrigante). Dato che io so "benissimo" (ironico) l'incipit del racconto non mi sembra il caso di doverle rispondere.
    Buon Proseguimento di Vacanze
    Giacomo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…